• Google+
  • Commenta
18 luglio 2007

Soddisfazione all’Ateneo Patavino per le prime lauree in Ottica e Optometria

Martedì 17 luglio hanno concluso il corso formativo, iniziato tre anni fa, i primi due laureandi con la discussione della loro tesi. Una scienzMartedì 17 luglio hanno concluso il corso formativo, iniziato tre anni fa, i primi due laureandi con la discussione della loro tesi. Una scienza relativamente giovane quella dell’Optometria, ma ben radicata e presente in tutte le società più evolute. Ora valorizzata in Italia, grazie alle Università di Padova, Milano Bicocca, Lecce, Roma 3, Torino, Firenze e Isernia, con i corsi di laurea istituiti presso la Facoltà di Scienze Matematiche e Fisiche e Naturali, e con i primi laureati che potranno essere attivi nella società. Esperti della visione e delle capacità e performance visuo-motorie in assenza di patologie, gli Ottici – Optometristi laureati saranno in grado di rispondere alle sempre maggiori richieste della collettività.
A Padova, il corso di laurea nasce da una parte per la tenace iniziativa dell’ Assopto locale (associazione ottici – optometristi), supportati dall’ ASCOM e dalla Camera di Commercio, i quali, vedendone l’utilità sociale, hanno collaborato anche finanziariamente e dall’altra per volontà dell’Università, grazie anche al valido appoggio del Preside della Facoltà di Scienze MM.FF.NN., Eugenio Calimani, assieme ai suoi collaboratori, e del Dipartimento di Fisica.

Un avvio che fa onore a Padova e alla sua Università per avere finalmente colmato il divario culturale con il resto d’Europa, fornendo figure che potranno competere con colleghi inglesi, spagnoli, americani, ecc.

Attualmente il corso impegna circa 80 studenti. Le iscrizioni hanno superato fin dal primo anno il numero minimo che si era proposto ed aumentano di anno in anno, sottolineando l’interesse che i giovani hanno per la visione ed i sottili meccanismi di interazione che questa ha con l’ambiente, a conferma ulteriore dello sviluppo che si potrà avere in questo ambito.

Google+
© Riproduzione Riservata