• Google+
  • Commenta
26 luglio 2007

Università di Modena e HIV

Sono stati scoperti dei geni in grado di controllare in modo efficace l’infezione HIV. La scoperta è stata fatta da un consorzio di scienziat
Sono stati scoperti dei geni in grado di controllare in modo efficace l’infezione HIV. La scoperta è stata fatta da un consorzio di scienziati e fra questi ci sono anche degli italiani come la Dott.ssa Antonella Castagna e il Prof. Adriano Lazzarin dell’Istituto San Raffaele di Milano, il Dott. Andrea De Luca dell’Istituto di Clinica delle Malattie Infettive dell’Università Cattolica di Roma e Fondazione ICONA ed il Prof. Andrea Cossarizza dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia. Il progetto di ricerca ha coinvolto nello studio altri 16 gruppi internazionali. Il risultato della ricerca è stato pubblicato dalla rivista internazionale Science e si basa su uno studio che ha consentito di analizzare l’intero genoma umano di 486 pazienti. Su un totale di 555.352 varianti genetiche, definite polimorfismi, in particolare ne sono state identificate due che combinate sono in grado di spiegare oltre il 15% delle cause della variabilità nella risposta dei soggetti che hanno contratto l’infezione. Le varianti di questi due geni spiegano una buona parte della capacità di controllare in modo efficace l’infezione e la progressione della malattia. Conoscere le basi genetiche grazie alle quali alcuni individui infetti con l’HIV sono in grado di controllare la malattia, rappresenta una priorità nella ricerca e nell’individuazione di nuovi trattamenti terapici contro l’HIV. La ricerca, iniziata nel dicembre del 2005 e conclusa nel marzo 2007, è stata finanziata dal Center for HIV/AIDS Vaccine Immunology (CHAVI) presente presso la Duke University di Durham nel North Carolina USA.

Google+
© Riproduzione Riservata