• Google+
  • Commenta
25 settembre 2007

La Sapienza: Italia e Taiwan si incontrano nell’e-learning

Al giorno d’oggi definirlo “estremo” potrebbe essere desueto. Mai come oggi infatti l’Oriente è stato così vicino. E’ l’e-learning,

Al giorno d’oggi definirlo “estremo” potrebbe essere desueto. Mai come oggi infatti l’Oriente è stato così vicino. E’ l’e-learning, la formazione a distanza favorito dai nuovi e sempre più sofisticati mezzi di comunicazione, che ha abbattuto letteralmente le distanze, avvicinandoci ad un continente, quello asiatico, lontano non solo geograficamente ma soprattutto culturalmente. Anni fa, saremmo stati noi ad esportare i nostri “gioielli” del progresso tecnologico, ora ci confrontiamo invece con realtà ben più avanzate, da cui apprendere. Nasce così l’incontro, organizzato dalla facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università di Roma, il 27 settembre presso la sala conferenze in via Salaria 113, che vedrà una delegazione di esperti del Taiwan, uno dei casi più sorprendenti da questo punto di vista, mostrare le esperienze fatte nell’ambito dell’e-learning. Si potranno conoscere così gli aspetti organizzativi, culturali e metodologici dello sviluppo di questa nuova filosofia di insegnamento che, in Asia in particolare, si sta diffondendo ampiamente.
L’e-learning, favorito dallo sviluppo tecnologico, non solo si è affermato come strumento didattico parallelo all’insegnamento standard, ma si sta attestando come logica d’insegnamento autonoma, in alcuni casi, e secondo le esigenze, addirittura sostitutiva dei metodi di formazione tradizionali. In Italia, dopo una prima fase di scoperta ed una seconda di consolidamento, il mercato sta registrando un andamento positivo, in particolare nelle università e nella Pubblica Amministrazione. Con la diffusione capillare delle tecnologie sono vari i paesi al mondo che stanno beneficiando di questa vera e propria rivoluzione, in particolare quelli orientali che stanno puntando sulla formazione potenziata dai nuovi media per lo sviluppo dell’intera economia nazionale.

Google+
© Riproduzione Riservata