• Google+
  • Commenta
20 settembre 2007

Modena: Parla come mangi: il binomio lingua italiana-cucina

Modena, città dalla secolare cultura filologico-linguistica e gastronomica, e la sua Università sono sede del Convegno internazionale
Modena, città dalla secolare cultura filologico-linguistica e gastronomica, e la sua Università sono sede del Convegno internazionale dell’Associazione per la Storia della lingua italiana (Asli), in programma dal 20 al 22 settembre 2007 sul tema “Storia della lingua e storia della cucina in Italia”.
Promosso dall’Ateneo di Modena e Reggio Emilia in collaborazione con la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, il convegno ha il patrocinio dell’Accademia della Crusca, principale istituzione per lo studio e la promozione del patrimonio linguistico italiano, e si propone un’intensa ricerca dei rapporti e delle numerose “convergenze” della tradizione linguistica e gastronomica nazionale, indagandone le affinità e i punti di incontro. Saranno presenti i più illustri studiosi di linguistica e gastronomia arrivati da Atenei italiani e da altri paesi europei (Belgio, Francia, Germania, Gran Bretagna, Svezia, ecc.), dagli Stati Uniti e perfino dall’Australia
«E’ un evento importante – spiega Cecilia Robustelli, docente di Linguistica Italiana all’Ateneo di Modena e Reggio Emilia e organizzatrice del Convegno – e un’occasione preziosa per la nostra giovane Facoltà di Lettere, che in questo modo farà valere il peso della grande tradizione cittadina nel campo degli studi filologici e linguistici. E’ inoltre significativo perché si collega al tema gastronomico, anch’esso di grande significato culturale, di viva attualità e pienamente legato alla realtà dell’intera regione emiliana».
Non a caso tra gli enti patrocinatori ci sono la Provincia, in prima fila nell’opera di valorizzazione dei prodotti tipici di qualità, ma anche il Comune di Modena e la Camera di Commercio, mentre i consorzi di tutela dei prodotti simbolo di questa terra – lambrusco, parmigiano reggiano, prosciutto e aceto balsamico tradizionale – sono impegnati per garantire ai momenti conviviali del convegno la presenza della buona cucina modenese. Non mancherà un intervento-performance dello chef Massimo Bottura (2 stelle Michelin).
“La gastronomia rappresenta un elemento di forte identità culturale per la nostra terra – commenta il presidente della Provincia di Modena Emilio Sabattini – e siamo quindi orgogliosi che Modena sia stata scelta quale ‘vetrina’ a livello internazionale per un convegno al quale parteciperanno studiosi italiani e stranieri”.
Nei tre giorni di convegno si alterneranno a Modena relatori del calibro di Alberto Capatti, rettore dell’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, il “gastronauta” Davide Paolini (Radio 24-Il Sole 24 Ore), Francesco Sabatini, presidente dell’Accademica della Crusca, Giovanni Ballarini vice presidente dell’Accademia italiana della Cucina, Gian Luigi Beccaria, docente dell’Università di Torino e volto noto al grande pubblico per la trasmissione televisiva “Parola mia”.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy