• Google+
  • Commenta
18 ottobre 2007

A Venezia la rassegna Cinema DiversaMente

I disabili e il grande schermo. Un rapporto spesso culminato con film di grande spessore quali “Il ragazzo selvaggio” di Truffaut o “Qualcuno vol&og
I disabili e il grande schermo. Un rapporto spesso culminato con film di grande spessore quali “Il ragazzo selvaggio” di Truffaut o “Qualcuno volò sul nido del cuculo” di Milos Forman. L’Università di Venezia vuole mostrare questi capolavori. L’intento è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica giovanile sulla complessità del vivere quotidiano per un disabile. La facoltà di Lingue e letterature straniere, grazie al suo servizio disabilità, ha voluto organizzare una rassegna cinematografica, denominata appunto “Cinema DiversaMente”. Il primo film, proiettato mercoledì 17, è stato proprio il capolavoro di Forman. Mercoledì prossimo sarà la volta di “El Cochecito” di Marco Ferreri, per finire poi a Novembre con “Freaks” di Tod Browning, e Kill Gil (volume due) di Gil Rossellini. La sede delle proiezioni sarà l’auditorium Santa Margherita in Dorsoduro. Al termine della visione di tutti i film, vi sarà un dibattito con argomento principale la condizione dei disabili nella società contemporanea, la loro sensibilità, e le capacità comunicative che riescono ad esprimere. Capacità di cui spesso tutti coloro che si autodefiniscono “normali” si dimenticano completamente.

Google+
© Riproduzione Riservata