• Google+
  • Commenta
2 ottobre 2007

Censis: sempre meno laureati trovano occupazione

Secondo l’ultima indagine del Censis (“Rapporto percorsi formativi e mercato del lavoro”), un terzo dei laureati italiani svolge un lavoro al di s

Secondo l’ultima indagine del Censis (“Rapporto percorsi formativi e mercato del lavoro”), un terzo dei laureati italiani svolge un lavoro al di sotto delle sue qualifiche. Un dato che è ancora più drastico se consideriamo i laureati in Ingegneria, categoria nel quale sono un quarto i giovani che non sono impiegato per quello che effettivamente valgono.
Dalla ricerca del Censis emerge che il sistema universitario italiano offre un gran numero di facoltà, ma pochissimi sbocchi lavorativi. Nel panorama delle varie classi di laurea, ci sono molti corsi che, all’apparenza, sembrano essere molto attraenti, ma che, in concreto, sono poco spendibili un domani nel mercato del lavoro. Il dato più allarmante riguarda il campo umanistico e sociale, dov’è il 44% dei laureati ad essere sottoccupato. Per porre rimedio a questo trend negativo c’è una sola via di uscita: eliminare tutti i corsi di laurea “fotocopia”, e formulare un’offerta formativa più snella e meno dispersiva.

Google+
© Riproduzione Riservata