• Google+
  • Commenta
16 Ottobre 2007

Napoli: al via la scuola per i menager del Mediterraneo

Formare una figura professionale che sappia confrontarsi con il mondo, non è proprio la “specialità” dell’università italiana.
Formare una figura professionale che sappia confrontarsi con il mondo, non è proprio la “specialità” dell’università italiana. Accusata di provincialismo, le grandi figure professionali che operano nel nostro paese o sono stranieri, oppure si sono formate nelle università degli Stati Uniti. Per porre rimedia al gap del nostro sistema, le università di Milano, Venezia e Napoli si sono unite per cercare di formare una figura nuova di professionista, dando il via alla Scuola Mediterranea.Il compito è formare menager che sappiano confrontarsi con i paesi di lingua araba e con le culture che si affacciano in questa zona del mondo. Conoscerne le lingue, gli usi e le abitudini, in modo da creare una figura che sappia relazionarsi e aiutare lo svilippo degli scambi economici e culturali fra i vari paesi. I laureati che frequentano la scuola provengono da Algeria, Egitto, Giordania, Israele, Libano, Libia, Marocco, Palestina, Siria e Tunisia. Gli studi si concentreranno su: quadro economico, politico e giuridico in cui avvengono gli scambi tra l’Italia nel contesto europeo e i Paesi interessati dalla politica di vicinato in Nord-Africa e Medio Oriente.L’iniziativa parte delle Camere di Commercio di Napoli, Milano e Venezia in collaborazione con la Fondazione per la sussidiarietà. A Napoli sarà L’unversità degli Studi “Orientale” ad ospitare l’inziativa mentre sarà il “Ca’Foscari” per Venezia e la Cattolica per Milano.Potranno parteciparvi solo gli studenti che hanno già conseguito una laurea e che sono in possesso di un’esperienza nel campo di almeno due anni.Quello che sta per aprirsi è il secondo anno di questa Scuola.

Google+
© Riproduzione Riservata