• Google+
  • Commenta
24 ottobre 2007

Perugia: Conferenza del professore Fausto Panara

Le scoperte della Paleoantropologia e quelle della Biologia molecolare offrono oggi una nuova chiave di lettura del nostro passato recente (come

Le scoperte della Paleoantropologia e quelle della Biologia molecolare offrono oggi una nuova chiave di lettura del nostro passato recente (come appartenenti alla specie Homo sapiens) e, andando a ritroso nel tempo, come parte dell’evoluzione zoologica degli organismi viventi. Gli studi degli ultimi 50 anni dimostrano la nostra origine africana e recente (forse meno di duecentomila anni fa) e la nostra appartenenza alla medesima specie. Il messaggio antirazzista – di grande attualità alla luce delle recenti polemiche su questo tema – è uno dei risultati più espliciti e robusti della moderna analisi antropologica.
Sono i temi che verranno affrontati venerdì 26 ottobre 2007, dal professor Fausto Panara (docente del Dipartimento di Biologia cellulare e molecolare dell’Università di Perugia) in occasione della conferenza “Alle origini dell’uomo”, quinto appuntamento del ciclo “I Venerdì della Scienza”, promosso dalla Facoltà di Scienze MM.FF.NN.; è in programma alle ore 16, nell’Aula E del Dipartimento di Chimica (in via Elce di Sotto, 8) dell’Ateneo perugino.
“I Venerdì della Scienza”, sono undici incontri divulgativi, aperti a tutti, in particolare ai giovani, per avvicinarli alle discipline scientifiche dalla biologia alla chimica alla fisica, informatica, matematica, scienze naturali, scienze della terra.

Fausto Panara è professore associato di Anatomia comparata e citologia nella Facoltà di Scienze dell’Università di Perugia; insegna Biologia cellulare e antropologia nel corso di laurea in Scienze naturali e antropologia fisica nel corso di laurea in Scienze dei beni archeologici e antropologici. E’ autore di un centinaio di pubblicazioni scientifiche molte delle quali su qualificate riviste internazionali. Le tematiche affrontate nelle sue ricerche riguardano la genomica funzionale, proteomica e microevoluzione di popolazioni animali compreso l’uomo. E’ coordinatore locale di un progetto interministeriale sugli effetti dei cambiamenti climatici sulla biodiversità e di un progetto di ricerca di interesse nazionale sulla produzione e uso clinico di allergeni ricombinanti. Attualmente si sta adoperando per l’allestimento di un laboratorio per lo studio del DNA antico

Il programma completo e brevi abstract di ciascuna conferenza sono disponibili sul sito www.unipg.it/culturascientifica.

Google+
© Riproduzione Riservata