• Google+
  • Commenta
31 ottobre 2007

Professori in pensione a 70 anni

“La vita comincia a 40 anni” diceva a un vecchio detto e sembra che gli Italiani l’abbiano preso alla lettera. Oramai la pensione sembra essere l’ulti“La vita comincia a 40 anni” diceva a un vecchio detto e sembra che gli Italiani l’abbiano preso alla lettera. Oramai la pensione sembra essere l’ultimo dei problemi per molti professionisti che nel nostro paese continuano a lavorare anche a tarda età. In questa situazione ci si rende facilmente conto del perché, se non fosse per l’alto numero degli studenti, l’Università italiana più che un luogo di formazione sembra essere diventata una casa di riposo. Vecchietti arzilli girano per le aule dei nostri antichi atenei, fanno lezioni ed esaminano i propri studenti, scrivono libri e sembrano non accorgersi della loro età avanzata, peccato che la stessa cosa non possano dirla i loro studenti. Per quanto sia pienamente comprensibile, che soprattutto a livello accademico, l’età sia sinonimo di conoscenza ed esperienza, un lavoro come quello del docente universitario richiede una dedizione tale che spesso un anziano, giustamente, non è in grado di offrire. Basta chiedere dovranno ai giovani studenti in medicina, che si sono trovati ad essere esaminati da docenti la cui età spesso superava i 90 anni. Sarà che alcune categorie di professioni sembrano aver fatto un patto con il diavolo, vedi Rita Levi Montalcini, fatto sta che la presenza di questi irriducibili dell’insegnamento sta diventando una vera e propria piaga per il nostro già bistrattato mondo universitario.Per anni il dibattito è stato molto acceso e adesso Fabio Mussi sembra avere gettato nuovamente la pietra nello stagno dichiarando che “I docenti universitari lasciare l’insegnamento una volta raggiunti i 70 anni, ciò ovviamente non impedirà, di continuare ad arricchire la nostra università con la loro esperienza e conoscenza ”, forse Mussi non si rende conto che se passasse una simile disposizione di legge, l’intero mondo accademico verrebbe stravolto e chissà se non in positivo.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy