• Google+
  • Commenta
12 novembre 2007

Nucleare, al via la campagna acquisti della Sogin

Con il prezzo del petrolio alle stelle, sempre più vicino ai 100 dollari al barile, per paesi come l’Italia, che giusto venti anni fa bandiva
Con il prezzo del petrolio alle stelle, sempre più vicino ai 100 dollari al barile, per paesi come l’Italia, che giusto venti anni fa bandiva con un referendum la produzione di energia nucleare, la strada verso l’autonomia energetica si fa alquanto difficile. E pensare che sul nostro territorio ci sono ancora impianti nucleari da smantellare (Trino, Caorso, Latina e Garigliano). Proprio per questo, nel 1999, venne creata con il decreto Bersani una società per azioni, la “Sogin”, con il compito di smantellare le centrali ancora esistenti. Parliamo del cosiddetto “decommissioning”, volto alla decontaminazione degli impianti nucleari italiani (e non solo). Basti pensare, ad esempio, che in tutto il mondo – entro il 2020 – ci saranno ben 300 reattori da smantellare. Ecco perché l’italiana “Sogin” sta facendo campagna acquisti, alla ricerca di 24 ingegneri (nucleari, chimici, civili e ambientali), 6 laureati in economia o discipline umanistiche e 30 diplomati tecnici. Per un totale di 60 persone fino al 2010.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy