• Google+
  • Commenta
8 novembre 2007

Verona: Dalla Costituzione Europea al nuovo Trattato

Un punto di partenza per recuperare lo spirito comunitario europeo.
Questo lo scopo di uno dei primi convegni organizzati in Italia sul testo del TraUn punto di partenza per recuperare lo spirito comunitario europeo.
Questo lo scopo di uno dei primi convegni organizzati in Italia sul testo del Trattato che richiamerà docenti da tutte le parti del Paese. L’incontro si svolgerà venerdì 9 novembre nella Sala Cipolla della facoltà di Giurisprudenza alle 15. Sarà questa l’occasione per analizzare il percorso che ha portato dalla Costituzione europea bocciata nei referendum francese e olandese, al Trattato di riforma approvato a Lisbona dai Capi di stato e di governo.

Ad introdurre il convegno Maria Caterina Baruffi, docente dell’ateneo veronese. Aprirà Antonio Padoa Schioppa, professore di Storia del diritto italiano all’università di Milano sul tema “L’eredità di Altiero Spinelli: luci e ombre del nuovo Trattato”. Carlo Curti Gialdino, docente di Diritto internazionale alla facoltà “La Sapienza” di Roma, parlerà poi di “Costituzione europea, Consiglio europeo di Bruxelles e nuovo Trattato”.
Interverrà inoltre Donata Gottardi docente di Diritto del lavoro dell’ateneo scaligero in congedo dal maggio 2006 con l’ingresso nel Parlamento Europeo. La deputata esporrà le sue riflessioni su “Il ruolo del Parlamento europeo nel nuovo Trattato”. Infine “Lo spazio di libertà, sicurezza e giustizia” sarà l’argomento esposto da Ruggiero Cafari Panico, docente di Diritto comunitario all’università di Milano.

L’evento è organizzato dalla facoltà di Giurisprudenza e dal Centro di documentazione europea dell’università di Verona in collaborazione con il Movimento federalista europeo.

Google+
© Riproduzione Riservata