• Google+
  • Commenta
28 dicembre 2007

La Cina è negli atenei italiani

“Marco Polo” è il nome del programma progettato e sviluppato dalla Crui (Conferenza Rettori Università Italiane), su precisa sollec

“Marco Polo” è il nome del programma progettato e sviluppato dalla Crui (Conferenza Rettori Università Italiane), su precisa sollecitazione della Presidenza della Repubblica, al fine di aumentare la presenza di studenti cinesi in Italia. È così che il programma ha permesso un intenso e più significativo consolidamento dei rapporti di genere tecnico – scientifico tra Italia e Cina; rapporti iniziati con la presentazione a Pechino di “Marco Polo” il 6 dicembre 2004, a cura del Rettore Pier Ugo Calzolari della Crui.
Il programma ha permesso soprattutto il rafforzamento delle relazioni istituzionali tra i due paesi, sancito per di più da un memorandum di intesa, in cui si ribadisce l’impegno delle parti alla cooperazione nel settore dell’istruzione e della formazione, nell’ottica dell’inserimento e dell’iscrizione degli studenti cinesi. Sempre sulla stessa linea si è inserito l’intervento dell’ex ministro Moratti effettuato nel luglio 2005, coronato con la firma del Protocollo di Intesa a favore di istruzione, alta formazione e ricerca. Azioni e monitoraggio del progetto “Marco Polo” sono coordinate da alcuni rappresentanti di Crui, Confindustria, Conferenza dei Collegi Universitari, MAE, MIUR e Ministero degli Interni.
Per qualsiasi informazione è possibile rivolgersi a comunicazione@crui.it.

Google+
© Riproduzione Riservata