• Google+
  • Commenta
15 dicembre 2007

Sono studenti milanesi gli “hacker” più bravi al mondo

L’Università degli studi di Milano regina della sicurezza informatica. I ragazzi della Statale si sono laureati campioni del torneo interna

L’Università degli studi di Milano regina della sicurezza informatica. I ragazzi della Statale si sono laureati campioni del torneo internazionale a squadre denominato “Capture the flag”. La location è stata Santa Barbara, in California, dove l’ateneo locale ha organizzato l’evento. Alla gara hanno partecipato 34 squadre di diversi Paesi del mondo. Ogni squadra era formata da otto concorrenti chiamati in gergo “Chocolate Makers”. L’obbiettivo degli studenti nella competizione era quello di difendere un determinato numero di servizi su rete, utilizzando anche sistemi operativi diversi, dagli attacchi informatici della formazione concorrente. A loro volta ogni squadra doveva cercare di sabotare i servizi in rete avversari. Una versione virtuale di “ruba bandiera”, da cui si spiega il nome del torneo stesso. Per garantire un comportamento etico, ovviamente, alla competizione erano ammesse solo istituzioni attinenti al mondo dell’università o della scuola in generale. I ragazzi milanesi si sono laureati campioni per la prima volta, anche se già in passato avevano dato dimostrazione di talento, vincendo competizioni minori. Da sottolineare il settimo posto, nella graduatoria finale, della squadra degli studenti del Politecnico di Milano. Insomma, gli “hacker” migliori li abbiamo in casa nostra.

Google+
© Riproduzione Riservata