• Google+
  • Commenta
20 dicembre 2007

Venezia: sfere del cielo, sfere della terra

C’è tempo fino al 29 febbraio 2008 per visitare la mostra “Sfere del cielo, Sfere della terra – Globi celesti e terrestri dal XVI al XX secol
C’è tempo fino al 29 febbraio 2008 per visitare la mostra “Sfere del cielo, Sfere della terra – Globi celesti e terrestri dal XVI al XX secolo”, inaugurata al Museo Correr giovedì 27 settembre. Interamente dedicata al globi celesti e terrestri come strumenti cartografici per la navigazione, per l’astronomia, per lo studio della geografia e della geodesia, è la prima esposizione del genere in Italia e testimonia il rinnovato interesse verso queste sfere, dettato anche e soprattutto dalle nuove possibilità di studio rappresentate dalle tecnologie informatiche. Fondamentale la collaborazione tra il Museo Correr e il Circe. Curata da Marica Milanesi e Rudolf Schmidt, presenta centoquarantadue opere, provenienti dal Museo Correr, dalla Biblioteca Nazionale Marciana e da collezioni private importanti, tra cui quella dello stesso Schmidt, membro della Internationale Coronelli – Gesellschaft fuer Globen – und Instrumentenkunde (Società Internazionale Coronelli per lo Studio dei Globi).
Tra i punti di forza della mostra è l’eccezionale scoperta di Marica Milanesi nella collezione Correr dell’unico esemplare montato esistente al mondo di un prezioso e rarissimo globo cinquecentesco del cartografo Livio Sanudo (1520 – 1576) che si credeva perduto, ma il principale protagonista è il frate veneziano Vincenzo Maria Coronelli (1650 – 1718), geografo, cartografo, inventore, editore e uno dei più famosi costruttori di globi del XVII secolo. Strumenti scientifici e macchine favolose, i suoi globi, generalmente in coppia (celeste e terrestre), ornavano le biblioteche di monasteri, di studiosi, di principi e sovrani. Il percorso espositivo presenta inoltre altri straordinari esemplari, opere a stampa e congegni diversi ed è arricchito da materiali multimediali tra cui figura anche un globo interattivo, virtualmente esplorabile sia come strumento di navigazione sia come documento storico dell’epoca, contenente quindi non solo gli aspetti geografici, ma anche tutte le annotazioni di carattere sociale inserite del frate veneziano. E’ stato realizzata per la mostra anche un’animazione digitale in cui viene esaminato il problema cartografico del passaggio tra una cartografia piana e una cartografia tridimensionale. Vengono mostrate le soluzioni utilizzate dallo stesso Coronelli e l’ipotesi di ricostruzione del globo, come veniva realizzato nel 1700.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy