• Google+
  • Commenta
30 gennaio 2008

Unimore: le adozioni internazionali

All’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia si parla di adozioni internazionali. L’iniziativa organizzata dalla cattedra di PsicologiaAll’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia si parla di adozioni internazionali. L’iniziativa organizzata dalla cattedra di Psicologia Clinica si propone come momento di ascolto e confronto per genitori, esperti ed operatori, approfondendo con la presenza di un’autorità scientifica mondiale soprattutto le problematiche sanitarie del dopo adozione. L’incontro venerdì 1 febbraio 2008. Sarà ospite la dott. ssa Laurie C. Miller Direttore della Clinica di adozioni internazionali del Floating Hospital di Boston (USA).

Le tematiche e gli aspetti legati alle adozioni, in particolare delle complesse problematiche che riguardano le adozioni internazionali, continuano ad essere al centro dell’interesse di gruppi di ricerca operanti presso l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia.

Dopo un incontro svoltosi l’anno scorso, durante il quale si affrontò il tema dei bisogni e dei servizi alle famiglie per la fase del dopo adozione, il Dipartimento Integrato Neuroscienze, Testa-Collo, Riabilitazione propone, venerdì 1 febbraio 2008 alle ore 9.00 presso l’Aula T02 del Centro Servizi Didattici della facoltà di Medicina e Chirurgia (l. go Del Pozzo 71) a Modena, un seminario dal titolo “Adozione internazionale: problematiche sanitarie” che ospita come relatrice una personalità da tutti considerata tra i maggiori esperti di adozioni internazionali al mondo, la dott.ssa Laurie C. Miller, professore associato di Pediatria della Tuft University di Boston e Direttore della Clinica di adozioni internazionali del Floating Hospital di Boston (USA).

“L’appuntamento – spiega il prof. Ugo Uguzzoni, docente di Psicologia Clinica dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia e organizzatore dell’iniziativa – reso possibile anche dal sostegno dell’Associazione Lari, si rivolge alle famiglie adottive, ai pediatri e al personale socio sanitario e verterà sulle problematiche sanitarie presentate dai bambini relativamente al loro Paese di origine, una disamina che sarà condotta attraverso l’esperienza di una ricercatrice e specialista che ha svolto attività con bambini adottati provenienti da Paesi di tutto il mondo”.

La giornata sarà suddivisa in due momenti: la mattina verrà dedicata a tracciare le linee e gli elementi principali delle problematiche pediatriche specifiche, il pomeriggio sarà dedicato alla discussione e al confronto.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy