• Google+
  • Commenta
27 marzo 2008

Palermo: Il futuro sostenibile del pianeta? Passa dalla canapa indiana

Una tesi di laurea che racconta ai bambini e agli adulti come la canapa indiana, pianta utilizzata sin dall’antichità, può promettere
Una tesi di laurea che racconta ai bambini e agli adulti come la canapa indiana, pianta utilizzata sin dall’antichità, può promettere un futuro sostenibile al nostro pianeta. Eleonora Alessi, 25 anni palermitana, studentessa del corso di laurea in Design industriale della facoltà di Architettura, ha intitolato la sua tesi “Pagine di Canapa”, un viaggio attraverso la storia della cannabis sativa, dal suo uso tradizionale sino alle più recenti e innovative applicazioni e trasformazioni nel campo del design.
Un piccolo libro che da una parte vuole sconfiggere i pregiudizi e l’inesattezza delle informazioni su un materiale ecosostenibile come la canapa, dall’altra vuole essere un utile strumento divulgativo ed educativo a uso dei bambini che potranno apprendere attraverso il gioco. Relatrice della tesi è Maria Luisa Conti, correlatrici sono gli architetti Anna Catania e Mariella La Guidara. La tesi è stata discussa stamattina alla facoltà di Architettura, in via Maqueda 175.
“Pagine di canapa” si ispira ai “prelibri” di Bruno Munari, testi che coinvolgono le diverse attività sensoriali, dalle visive alle tattili. Per le illustrazioni tridimensionali, il progetto di Eleonora Alessi trae spunto anche dai libri pop-up. Un viaggio attraverso il completo ciclo vitale della canapa, parte botanica della cannabis sativa, la sua sostenibilità ambientale, gli utilizzi nella storia, le materie prime (fibra e canapulo), la descrizione dei prodotti derivati tradizionali (tessuti, olio, medicine, combustibile) e dei materiali più innovativi (isolanti e plastiche) con un rapido ma significativo accenno al mondo industriale: a quel primo modello di auto realizzata da Ford con pannelli di plastica di canapa e che carburava a olio di canapa. Il libro si conclude con il ritorno alla terra della pianta sottolineando il concetto che “da cosa nasce cosa”, sia che si tratti di un seme che germoglia per dare vita a una nuova pianta sia di un materiale riciclato o riutilizzato.

Google+
© Riproduzione Riservata