• Google+
  • Commenta
8 maggio 2008

Unimore: giornata di studio leggi antiebraiche

Come reagirono le Università italiane alla emanazione delle leggi antiebraiche del 1938? Una giornata di studi organizzata dall’Universit&agravCome reagirono le Università italiane alla emanazione delle leggi antiebraiche del 1938? Una giornata di studi organizzata dall’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia farà il punto sulla applicazione di quel provvedimento tracciando un bilancio delle ricerche e indicando agli storici nuove prospettive di approfondimento su quel periodo. L’appuntamento a Modena venerdì 9 maggio 2008. Presenti numerosi docenti provenienti da altri Atenei.

Un nutrito gruppo di storici italiani si dà appuntamento a Modena per fare il punto sulle ricerche che hanno segnato una delle pagine più buie del fascismo: l’emanazione delle leggi antiebraiche, che costarono l’allontanamento dall’insegnamento accademico e, in tantissimi casi, dal nostro Paese, di alcune delle più insigni voci della scienza e della cultura italiana, il più noto dei quali è senz’altro Enrico Fermi.

Anche l’Università di Modena pagò il suo tributo a quella follia xenofoba, costringendo all’abbandono della cattedra 6 suoi docenti: Benvenuto Donati, Marcello Finzi, Angiolina Levi, Leone Maurizio Padoa, Enrico Ravenna e Alessandro Seppilli.

Come si arrivò a quelle decisioni? Quali conseguenze provocarono? Come reagì il mondo accademico? Sono interrogativi su cui da qualche tempo gli storici stanno sollevando squarci di polvere che aiutino a comprendere e a rileggere criticamente quel periodo.

“L’applicazione delle leggi antiebraiche nelle università italiane: bilancio delle ricerche e nuove prospettive” è il tema della giornata di studio organizzata dalla Facoltà di Lettere e Filosofia e dal Dipartimento di Scienze del linguaggio e della cultura dell’Università di Modena e Reggio Emilia che vedrà impegnati studiosi e docenti di molte delle Università che più pesantemente risentirono le conseguenze di quel provvedimento.

L’appuntamento è per venerdì 9 maggio 2008 alle ore 9.00 nell’Aula Magna della facoltà di Lettere e Filosofia (Largo Sant’Eufemia 19) a Modena, dove ai presenti verrà porto il saluto della prof. ssa Giovanna Procacci, ordinario di Storia contemporanea dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia.

“L’incontro – spiega la prof. ssa Giovanna Procacci dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia – si inserisce all’interno di un lungo tracciato, volto sia a ricostruire il passato locale e nazionale, sia a esaminare e ricordare i motivi e i modi con cui è stata perpetrata la violenza contro i civili, e costituisce anche un punto di arrivo di un progetto di ricerca della nostra facoltà, centrato sulle vicende che caratterizzarono negli anni del fascismo e della guerra la società modenese, la vita culturale cittadina, la comunità ebraica e, più specificatamente, l’Università di Modena. Il progetto, iniziato nel 2004, voluto dal nostro Rettore e realizzato grazie a un finanziamento dell’Università, si è articolato lungo due direttive: una ricerca ha avuto per oggetto Modena fascista, l’adesione culturale al regime e i riflessi del clima cittadino sull’Università; il secondo percorso, attinente al tema di questo convegno e ha riguardato invece lo studio del rapporto tra legislazione fascista e comunità ebraica, e più specificatamente le ripercussioni delle leggi razziali sulla vita scolastica e sull’Università”.

La relazione introduttiva sarà affidata al prof. Roberto Finzi dell’Università di Bologna. Successivamente nel corso della giornata, che proseguirà anche nel pomeriggio, prenderanno la parola: la prof. ssa Valeria Galimi dell’Università di Siena su “L’allontanamento dei docenti e la politica della razza nell’Università di Modena”; il prof. Andrea Villa dell’Università di Salerno su “L’Università di Parma e il Politecnico di Torino tra antisemitismo e piccoli episodi di ribellione”; la prof. ssa Simona Salustri dell’Università di Bologna su “L’Ateneo bolognese e la politica della razza”; la prof. ssa Elisa Signori dell’Università di Pavia su “Le comunità accademiche lombarde e la politica antiebraica”; la prof. ssa Anna Vinci dell’Università di Trieste su “Le leggi antiebraiche e l’Ateneo di Trieste”; la prof. ssa Francesca Cavarocchi dell’Università di Bologna su “Politica della razza e applicazione delle leggi antiebraiche nell’Ateneo fiorentino”; la prof. ssa Ilaria Pavan della Scuola Normale Superiore di Pisa su “Leggi antiebraiche nell’Ateneo pisano”; il prof. Tommaso Dell’Era dell’Università della Tuscia su “L’applicazione delle leggi antiebraiche e la politica della razza nell’Università di Roma”; la prof. ssa Gloria Chianese della Fondazione Di Vittorio su “Leggi antiebraiche: il caso napoletano tra scuola e università”.

Le conclusioni saranno tratte dal dott. Michele Sarfatti del Centro di documentazione ebraica contemporanea e dal prof. Angelo Ventura dell’Università di Padova.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy