• Google+
  • Commenta
15 settembre 2008

Anche quest’anno in Puglia la “ Notte europea dei ricercatori ”

Il 26 settembre di questo mese si terrà in Puglia, ancora una volta, la “ Notte europea dei ricercatori ”. La manifestazione, che si pone l’ obIl 26 settembre di questo mese si terrà in Puglia, ancora una volta, la “ Notte europea dei ricercatori ”. La manifestazione, che si pone l’ obiettivo di avvicinare la società, ma soprattutto i giovani al mondo della ricerca, è stata promossa dalla Commissione europea contemporaneamente in tutta Europa. L’ evento quest’anno vedrà la partecipazione dell’ Università di Bari, Foggia e Salento, la Lum Jean Monnet di Casamassima, il Politecnico di Bari, la Cnr, l’ Istituto nazionale di fisica nucleare, il parco scientifico di Tecnopolis e l’ Enea di Brindisi.
Anche questa volta il compito dell’ organizzazione e del coordinamento della kermesse che avrà luogo in Puglia, sarà affidato all’ Agenzia regionale per la tecnologia e l’ innovazione.
Il programma di quest’ anno prevede una fitta rete di appuntamenti: il Campus aprirà i battenti del Dipartimento geomineralogico, per rendere possibile al pubblico l’ osservazione macroscopica e lo studio microscopico di minerali e rocce. Aperto ai visitatori anche il Museo del Dipartimento di zoologia, dove verranno illustrane le tecniche per lo studio e l’ osservazione e della fauna; e l’ Orto botanico, dove si potrà capire quali sono le qualità organolettiche e nutrizionali delle lenticchie di Altamura. Nelle Università e nei centri di ricerca inoltre, si terranno dei brevi seminari e ci saranno dei laboratori fruibili dal pubblico. Il programma prevede inoltre esperimenti virtuali, lo studio dell’ evoluzione della Terra, visite guidate presso l’ ambulatorio di Psicologia del Dipartimento di Scienze neurologiche, e tanto altro ancora.
Ma se da un lato manifestazioni del calibro della “ Notte europea dei ricercatori ” stimolano la crescita culturale dei giovani in Puglia, dall’ altro arrivano brutte notizie che tendono a frenare iniziative del genere. Infatti la nuova finanziare prevede pesanti tagli per l’ Università di Bari, che si vedrà quindici milioni di euro in meno nei prossimi cinque anni. Anche se si tratta di una stima non ancora ufficiale, il rettore Corrado Petrocelli ha dichiarato che questi tagli costeranno caro all’ Università di Bari. Saranno soprattutto le tasse Universitarie che aumenteranno, per far fonte ad una considerevole diminuzione dei sovvenzionamenti all’ Università.
Nel frattempo però in Puglia non si pensa ai possibili tagli della finanziaria, visto che gli entusiasmi per la notte europea dei ricercatori hanno sbollito tutti i malumori. Non resta che godersi quest’ evento che prevede, come negli scorsi anni, numerose sorprese. Ulteriori informazioni sono reperibili sul sito www.arti.puglia.it.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy