• Google+
  • Commenta
1 marzo 2009

H2U L’Università dell’Idrogeno

Avete presente la Tavola Periodica degli Elementi?
Sì, proprio quell’insieme di simboli, disposti all’interno di quadratini colorati, che rappAvete presente la Tavola Periodica degli Elementi?
Sì, proprio quell’insieme di simboli, disposti all’interno di quadratini colorati, che rappresentano, uno per uno, tutti gli elementi che compongono l’universo conosciuto.
Sono certo che molti, moltissimi tra voi si ricorderanno senz’altro (e forse anche con un’inaspettata nostalgia) di questo diffuso strumento didattico.
E non sarà nemmeno troppo improbabile che ci si ricordi del primo elemento, quello posto nella casellina in alto a sinistra, il primo elemento di cui bisognava imparare il simbolo e le caratteristiche: l’Idrogeno.
Non a caso l’Idrogeno è senz’ombra di dubbio l’elemento più importante, tra tutti quelli esistenti, anche solo considerando il fatto che oltre il 90% dell’universo è da lui composto.
Poteva dunque mancare una struttura didattica, dedicata alla formazione e alla ricerca, circa applicazioni e benefici che l’uomo può trarre da un’economia basata sull’utilizzo di questo elemento?
La mia domanda è ovviamente retorica.
Questo istituto esiste dal settembre 2006; si chiama H2U The Hydrogen University ed è un centro internazionale di studio e ricerca, che ha sede a Monopoli (provincia di Bari).
Lo scopo con cui H2U è stata fondata è quello di fornire una preparazione strettamente connessa a temi quali l’efficienza energetica, energie rinnovabili e naturalmente l’utilizzo dell’Idrogeno, in qualità di principale fonte energetica da utilizzare in un futuro neanche troppo lontano.
Interessante è anche la “Cittadella dell’Idrogeno”, ossia un’esposizione di tecnologie innovative che utilizzano l’Idrogeno come fonte di energia primaria, attualmente in allestimento, che dimostra quanto sia possibile già oggi l’utilizzo di energie rinnovabili e sostenibili dal punto di vista dell’impatto ambientale, ai fini della vita e del progresso dell’uomo.
Per saperne di più, anche in merito a corsi di studio e possibilità di collaborazione con l’Ateneo in questione, vi consiglio di consultare le pagine del sito web, creato di recente all’indirizzo http://unihydrogen.chimera.it/

Google+
© Riproduzione Riservata