• Google+
  • Commenta
2 luglio 2010

Australian Dream

Lo stivale sta stretto a molti. Si guarda all’Europa, ma anche oltre.. verso gli altri continenti.

A questo proposito sta prendendo forma in Italia un fenomeno sociale che potremmo definire, con riferimento all’ormai vintage “Sogno Americano” un inedito “Australian Dream”.

Dati concreti lo confermano: il numero dei giovani italiani in visita che il governo australiano ha registrato nel corso dell’anno 2008/2009 è stato 66198.

Tra questi, un’ampia fetta interessata ad un percorso di studio e ad un inserimento stabile nel mondo del lavoro australiano.

Senza dubbio l’Australia è una terra affascinante, caratterizzata da meraviglie naturali, clima mite tutto l’anno e una popolazione ospitale che conduce uno stile di vita rilassato.

Ma veniamo al sodo.

L’economia australiana è molto solida: ha superato senza traumi la crisi finanziaria globale.
Il reddito pro-capite è invidiabile.
Il tasso di disoccupazione è bassissimo.

In ambito educativo l’Australia vanta 6 tra le prime 100 migliori università al mondo, caratterizzate da strutture e metodi di insegnamento all’avanguardia.

Nel settore professionale vi è ricchezza di opportunità, elemento che attrae come una calamita i giovani provenienti dall’estero.

Per chi desidera intraprendere un percorso di formazione universitario o postuniversitario, l’Australia offre la possibilita’ di un visto student.

Tale visto consente ai ragazzi italiani di soggiornare nel continente estero per un anno lavorando e usufruendo del servizio sanitario pubblico gratis.

Mentre a coloro che vogliono perfezionare la lingua inglese o sono interessati ad un lavoro full time viene suggerita la carta working holiday visa.

Non state più nella pelle e volete partire all’avventura? Bene!

Cominciate subito a pianificare il viaggio contattando l’Agenzia Go Study Australia, la quale offre consulenze gratuite a studenti provenienti da tutte le parti del mondo attraverso la rete di uffici presenti in loco e a livello internazionale.

Non dimenticatevi di consultare il sito dell’Ambasciata Italiana in Australia

..e buona fortuna!

Chiara Marcelli

Google+
© Riproduzione Riservata