• Google+
  • Commenta
8 dicembre 2010

La vita è un boomerang

La vita è un boomerang, ti torna indietro ciò che sei disposto e capace di dare. Queste sono parole di Dale Carnegie, illustre scrittore e formatore al quale devo molto del mio lavoro di formatore e coach. Mi ripeto spesso queste parole perché credo racchiudano la linfa vitale indispensabile per fare la differenza nella propria vita.

Molte persone credono che la ricetta per il successo, personale e professionale, risieda nell’avere ben chiaro cosa “prendere” dal mondo e dalle persone che ci circondano. Dale Carnegie al contrario ribalta completamente il concetto, dimostrando di essere una persona saggia, generosa, lungimirante. Il segreto per avere soddisfazione e risultati nella vita risiede infatti proprio nel dimostrare noi per primi di essere disposti a metterci in gioco, a sacrificarci, a dare prima ancora che a chiedere! Questo vale in generale sia nella vita privata che in quella lavorativa.

Prima ancora di chiedere rispetto dovremmo essere capaci di darne noi. Prima ancora di chiedere ai nostri amici attenzioni, disponibilità, ascolto, aiuto dovremmo essere noi a darne. Prima ancora di chiedere giustizia dovremmo essere noi “giusti”. Prima di chiedere congruenza dovemmo noi per primi essere congruenti. Se vogliamo dalla vita dei frutti succosi dobbiamo noi per primi scegliere i semi migliori, trovare il terreno migliore, piantare il seme correttamente, annaffiare il terreno, prenderci cura della piantina appena nata. Per arrivare a prendere i frutti dalla pianta è indispensabile che noi per primi diamo disponibilità, sacrificio, lavoro, rispetto, meticolosità, impegno. Se vogliamo che il boomerang torni indietro dobbiamo essere disposti a lanciarlo e dobbiamo farlo nel modo corretto! Quindi se desideriamo ricevere soddisfazione, risultati, ascolto, attenzione, gratificazione, pienezza, equilibrio.. dobbiamo necessariamente comprendere che siamo noi per primi a dare vita alla dinamica che genera i risultati che ci attendiamo.

Quante volte invece viviamo passivamente con l’atteggiamento critico ed improduttivo che consiste nel pretendere, nell’aspettarsi qualcosa come dovuto a prescindere, nel rimanere fermi ad attendere che qualcuno ci dia ciò che vorremmo? Se vogliamo sorrisi iniziamo a darne. Se vogliamo rispetto iniziamo a darne. Se vogliamo denaro iniziamo a darne, magari investendo in studio e sacrificio per comprendere come farne. Se vogliamo libertà iniziamo a rispettare quella degli altri. Se vogliamo migliorare le nostre relazioni con qualcuno iniziamo a generare noi comportamenti che creino le premesse perché le persone ci stimino e desiderino. La vita è un boomerang. Alleniamoci a lanciare il boomerang, alleniamoci a vivere una vita intenzionale che ci veda artefici del nostro destino desiderato.

Stefano Tassone

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy