• Google+
  • Commenta
10 Maggio 2011

Percorsi poetici per ritrovare la gioia di vivere

E’ ancora possibile in questa società riscoprire la gioia di vivere?
E’ quanto si chiedono i giovani dell’Associazione Culturale Il Sileno che giovedì 12 maggio nell’aula Storia 5 sita all’interno del cubo 28 c riprenderanno ad indagare i profondi abissi dell’animo umano nell’ultimo incontro poetico previsto per quest’anno.

Tema dell’incontro sarà appunto la gioia di vivere parafrasando il titolo di un celebre quadro di Henry Matisse.

Tema difficile quest’ultimo che molti trascurano addebitandolo ad un puro e semplice soddisfacimento di bisogni materiali ma che invece si può nascondere anche nella semplicità di gesti dimenticati dalle nuove generazioni che occorre assolutamente riportare alla luce.

In quest’operazione maieutica risiede l’essenza di questi ciclici appuntamenti mensili con la poesia che ragazzi come Luca Rota e Davide Avallone, Giovanni Succurro, Manuela Sposato e Biagio Moliterni promotori dell’iniziativa e tasselli importanti della sunnominata associazione presieduta dal dinamico Francesco De Pascale hanno inteso portare avanti e promuovere ormai da qualche anno.

Un’ iniziativa nata appunto qualche anno fa, dalla consapevolezza di una mancanza, dalla necessità di ritrovare un rapporto più autentico con le cose e le persone nella profonda convinzione esso si celi ancora nel silenzio delle cose mute.

Un circuito poetico ma soprattutto comunicativo, assolutamente da seguire quello che questi ragazzi intendono istituire con le nuove generazioni che da questo incontro potrà avvalersi anche dell’ausilio della tecnologia .

Non si gioisce solo attraverso la poesia. Anche la cinematografia ha offerto spunti importanti in questo senso.

La discussione sarà arricchita, infatti, dalla visione di spezzoni di film e dall’’analisi d’opere artistiche ispirate al tema.

Senza dimenticare i fondamentali contributi del pubblico sempre importante in questo tipo di iniziative, ma qui in particolare ,elemento decisivo perché chiamato in direttamente in causa da un tema stimolante e ricco di sfaccettature.

La vita ha bisogno della gente. La gente ha bisogno di vita.

Abbeveratevi alla fonte magica e inesauribile della poesia.

Giovedì nell’aula Storia 5 cubo 28 c dalle ore 15 alle 17 i ragazzi dell’Università della Calabria hanno un’occasione importante. Non perdiamola. Non perdetevela.

Gaetano Santandrea

Google+
© Riproduzione Riservata