• Google+
  • Commenta
19 agosto 2011

Cadiz: città di luce

Cadiz in Spagna

Tra le mete degli Erasmus una delle più frequentate da studenti di tutte le facoltà è sicuramente la Spagna,in particolare molti scelgono Cadice o Cadiz.

 Cadiz in Spagna

Cadiz in Spagna

Cadiz per la sua vicinanza con la cultura italiana, sia per la vicinanza geografica al continente africano, oltre che per la quantità di accordi bilaterali tra le diverse università.

Tra le mete, una sicuramente meno ambita, dal punto di vista accademico, di grandi centri come Barcellona e Madrid, è Cadice, città di mare poco lontano da Siviglia e dal confine portoghese. Per conoscerla meglio, questa settimana abbiamo intervistato Grazia D’Arienzo, studentessa Erasmus nell’anno accademico 2008-2009.

Grazia, come mai hai scelto proprio Cadiz?

Alle scuole medie ho fatto un viaggio in Andalusia e mi è piaciuta molto, così mi è rimasta la voglia di andare al sud della Spagna. In più a Cadice c’è il mare, che io adoro. La mia prima scelta in realtà era Granada, ma sono comunque stata contentissima di essere selezionata per Cadice… A Granada non c’è il mare e d’inverno fa freddo, perché è vicino alla Sierra Nevada.

Come sei stata accolta all’arrivo a Cadiz?

Sono arrivata a Cadice con un’altra ragazza italiana. All’Ufficio Erasmus si sono dimostrati molto disponibili: se hai qualche minimo problema te lo risolvono subito senza troppa burocrazia e ti sommergono di materiale informativo. La loro disponibilità ti fa capire che chi è straniero è considerato elemento di pregio per loro. Non sempre si trova un Ufficio Erasmus altrettanto disponibile nel paese di provenienza.

Come si trova casa a Cadiz in Spagna

Sui siti cadiz.loquo.com/es e www.idealista.com ci sono molti annunci. Poi consiglio il Cambalache (www.cambalache.es): è un giornale cartaceo che contiene molti annunci e consigli su come trovare casa. Io vivevo nella parte nuova di Cadice in un appartamento con vista sull’oceano.

Come hai fatto a inserirti, a fare nuove amicizie?

Cadice è piena sia di Erasmus che di studenti extra-europei, perché lì c’è la Escuela Superior de Lenguas Modernas, e quindi ci sono molti studenti che vengono, per esempio dagli Stati Uniti, a studiare lo spagnolo per alcuni mesi. Durante i corsi si può conoscere tanta gente, e anche frequentando i locali del centro storico.

Quali locali consiglieresti agli Erasmus a Cadiz?

Ci sono dei locali in cui durante le serate di salsa è presente anche un maestro di ballo: è molto divertente. In particolare, però, consiglio di provare a fare colazione in uno dei bar di fronte alla Catedral. Un’abitudine tipica spagnola è quella di tapear, cioè di incontrarsi, anche sbrigativamente, per mangiare tapas, dei piatti misti con piccole porzioni di cibo e stuzzicherie. Per il tapeo è perfetto il locale La Gorda Te Da De Comer. Invece per la sera proporrei una cena con flamenco a La Perla, una birra al Nahu e poi la notte a ballare in una delle discoteche de La Punta.

Tralasciamo adesso i divertimenti e passiamo alla parte accademica. Che corsi hai seguito a Cadice e quali ti sono sembrati interessanti?

Io ho seguito Storia dell’Arte Inglese e ho trovato utilissimo seguire in spagnolo un corso per il quale servivano materiali in un’altra lingua. Poi ho fatto Letteratura Spagnola, Commedia Barocca, e Lingua Spagnola, che valeva come esame universitario e dava una certificazione fornita dal centro e valida sul territorio spagnolo, ma non riconosciuta dal Cervantes come certificazione internazionale. Ci sono poi dei corsi che non ho seguito ma che mi sembravano interessanti: uno sul romanzo spagnolo a partire dal Don Chisciotte, per esempio.

Come hai trovato l’università a Cadiz

Molto ben organizzata, offre molti servizi. Per esempio, ti prestano il computer e se ti registri puoi tenerlo a casa e successivamente rinnovare il prestito. La biblioteca ha il prestito automatico, ti fanno un tesserino e quando devi prendere un libro lo passi sotto una macchinetta ed è fatta. Si possono prendere 5 libri in prestito ogni volta, da riconsegnare dopo una settimana con possibilità di rinnovo del prestito. Il prestito era rinnovabile on-line fino a un mese se dopo una settimana il libro non era richiesto da altri studenti.

Quali sono i luoghi imperdibili di Cadice?

La Caleta: è una spiaggia con sopra un vecchio stabilimento balneare, bellissimo, bianco: al tramonto è una vista meravigliosa. Dalla Caleta si può accedere al Paseo del Castillo de San Sebastián. Poi ci sono il Castillo del Santa Catalina, la Catedral, la Torre Tavira, la Playa de Santa María

Quali differenze tra la Spagna e l’Italia ti hanno colpito in particolar modo?

Beh, innanzitutto i ritmi sono molto rilassati. I negozi aprono e chiudono tardi, per esempio chiudono alle 14:00 e riaprono alle 18:00. Il sole tramonta molto tardi, almeno in primavera e in estate, e quindi tutti i ritmi sono sfalsati. Certo, questa rilassatezza ha degli aspetti negativi, per esempio il sabato molte copisterie e cartolerie sono chiuse perché è chiusa l’università, quindi se devi stampare qualcosa per la settimana successiva devi per forza aspettare il lunedì.

Un’altra cosa che ho notato è che lì quando ti presentano una persona si danno immediatamente due baci sulla guancia, mentre qui in Italia la prima volta che vedi qualcuno gli dai soltanto la mano.

A distanza di due anni, cosa ti manca di Cadiz?

Innanzitutto la condizione di essere Erasmus. Vivere da sola gestendomi i miei tempi, perché qui non sono una studentessa fuori sede e sto ancora con la mia famiglia. Svegliarmi tutte le mattine con il rumore del mare e la luce alla finestra, e addormentarmi sempre col rumore del mare. Mi manca soprattutto la luce di Cadice.

La luce? Perché, com’è la luce di Cadiz?

Più luminosa. Quando ricordo Cadice ricordo una città chiara e piena di luce.

Sydney Vicidomini

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy