• Google+
  • Commenta
6 agosto 2011

“Viareggio Incontri” presenta “La cultura al femminile. Una questione di genere?””

Viareggio Incontri” è diventata anno dopo anno un’attrazione estiva tanto attesa in Toscana e anche quest’anno alla sua 7° edizione, stupisce con diversi eventi culturali in programma che vedranno la partecipazione di ospiti di fama nazionale.

Incontro da non perdere, quello di Venerdì 19 Agosto 2011, “La cultura al femminile. Una questione di genere …? “ – grazie al contributo di tre importanti docenti dell’Ateneo toscano si farà luce su una questione di strettissima attualità.

Quanto incide attualmente il ruolo della donna nella cultura? E soprattutto, quanto condiziona i valori di una civiltà? Queste le domande di partenza dell’incontro.

Se per un verso la storia è stata narrata in larga misura secondo le logiche di genere “maschile”, è esistita – ed esisterà sempre anche una storia e una cultura al femminile che quasi sempre si è compiuta ai margini del “potere”.

Da Saffo a Ipazia fino a Martha Nussbaum, all’interno del quadro complesso delle scienze umane e naturali, pensatrici di altro profilo hanno condizionato non marginalmente la storia della cultura e della civiltà.

Come ci ricorda Margherita Hack, “le donne, escluse dall’università, escluse dall’educazione scientifica, sono emerse la dove potevano emergere”. Così è sorto il pregiudizio secondo cui le donne sarebbero più adatte alle materie letterarie e linguistiche che non a quelle scientifiche.

Malgrado le difficoltà incontrate non sono poche le scienziate che hanno portato importanti contributi allo sviluppo della scienza, la storia ci tramanda una ventina di nomi nell’antichità, fra cui emerge il nome della matematica Ipazia; solo una decina nel medioevo, soprattutto nei conventi, quasi nessuna tra il 1400 e il 1500, 16 nel 1600, 24 nel 1700 e 108 nel 1800.

Oggi solo nel campo dell’astronomia sono più di 2000, ed in ogni campo dei saperi le ricercatrici universitarie superano il 50% con punte di 80% nelle facoltà umanistiche, 60% in quelle di scienze biologiche, dal 30 al 40% nelle scienze abiologiche, più dei 50% nelle matematiche, mentre sono ancora al di sotto dei 20% in facoltà come ingegneria e agraria.

Si prospetta quindi un incontro interessante sull’elegante terrazza del “Caffè Il Principino“, Venerdì 19 Agosto 2011.

Parteciperanno:
-* Dott. Alessandro Bertirotti, docente di Antropologia culturale e della mente, Università di Firenze
-* Prof.ssa Manuela Giovannetti, docente di Microbiologia del suolo, Preside della Facoltà di Agraria, Università di Pisa
-* Prof.ssa Barbara Henry, Docente di Filosofia politica, Scuola Superiore Sant’Anna, Pisa”.

Conduce: Riccardo Roni, Università Pisa.

Maria Teresa Violi

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy