• Google+
  • Commenta
14 settembre 2011

Crazy, Stupid, Love

Steve Carell lancia la sua prima produzione e lo fa con una commedia di due ore sull’amore, le possibili interpretazioni e i suoi differenti aspetti.

Tutto ha inizio con la decisione da parte di Emily di divorziare, dopo aver tradito il marito Cal con David. Si innesca così un circolo vizioso di incastri e situazioni a catena. Cal va ogni sera nel pub sotto casa, dove conosce Jacob che decide di prenderlo sotto la proprio ala protettiva e insegnargli l’arte della conquista senza impegno.
Ma il tempo insegnerà ad entrambi che la conquista senza impegno è solo un futile passatempo e che l’amore è l’unica cosa che può completare un uomo.
Cal cercherà di tornare dalla moglie, spronato dal saggio figlio tredicenne Robbie, anch’esso allo prese con l’amore non corrisposto con la sua baby sitter Jessica, che vive una situazione analoga verso lo stesso Cal.
Mentre Jacob incontrerà la donna della sua vita che gli farà capire che il vero amore esiste.

Il film, girato quasi tutto in esterni a Los Angeles, torna a ribadire il concetto che ormai la commedia americana ci propina da mesi: le regole dell’amore esistono e sono standard fino al fortuito incontro con l’eccezione.

Anche i personaggi sono sempre gli stessi. Il mentore cinico che si prende gioco dell’amore; il protagonista disadattato e ingenuo; la principessa che trasforma il gelido mentore in un cuore di panna; l’amore trionfante del protagonista per la sua amata nonostante le malefatte. Tutto già visto, ma anche questo è Hollywwood!

Ottimamente costruito dallo sceneggiatore, Dan Folgeman, che non lascia spazio alla prevedibilità se non a quella del lieto fine e brillantemente interpretato dagli attori, che con una validissima performance riescono a mantenere la qualità del film.

Una partenza rapida e simpatica, che immette subito nella storia e dà il ritmo a tutto il film, viene retta solo dai buoni dialoghi che sdrammatizzano e colmano le banalità registiche delle scene. Gli sbadigli a intermittenza, servono ad acclamare le battute che piovono efficaci. Il cinismo è parte integrante del film, fra battute sferzanti e colpi di scena che rendono la pellicola leggera e ilare.

Un film che raggiunge l’obiettivo del tenere lo spettatore sulla sua poltrona per tutte e due le ore senza fargli rimpiangere il tempo speso. Consigliato per una serata in leggerezza.

Titolo Originale: Crazy, Stupid, Love

Paese / anno: USA / 2011

Regia: Glenn Ficarra e John Requa

Sceneggiatura: Dan Folgeman

Montaggio: Lee Haxall

Scenografia: William Arnold

Fotografia: Andrew Dunn

Musica : Christophe Beck e Nick Urata

Costumi : Dayna Pink

Produzione: Steve Carell e Denise Di Novi

Distribuzione:Warner Bros. Pictures Italia

Durata: 118 min

Data di uscita: 16 settembre 2011

Interpreti: Steve Carell, Julianne Moore, Ryan Gosling, Emma Stone, Marisa Tomei, John Carroll Lych, Kevin Bacon

Irene Cassaniti

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy