• Google+
  • Commenta
10 febbraio 2012

Perché non in Svezia per un esperienza di vita Universitaria

Perché non in Svezia per un esperienza di vita Universitaria
Perché non in Svezia per un esperienza di vita Universitaria

Perché non in Svezia per un esperienza di vita Universitaria

Perché non in Svezia, paese che ha dato i propri natali a Alfred Nobel per un esperienza di study abroad?

Svezia: primo paese in Europa per l’innovazione secondo Innovation Union Scoreboard 2011 si distingue da sempre per la propria attenzione all’integrazione e lo sviluppo anche in ottica universitaria, ad esempio molti corsi sono tenuti in inglese così da permettere un impatto meno svantaggioso con la lingua nazionale.

Le spese mensili per un dormitorio non sono eccessive (dai 200 ai 500 euro,ecco un link utile per accomodations mentre il costo della vita non è decisamente modico.

Lo studio generalmente non è solo teorico e prevede contatti costanti con industria e mondo del lavoro con una realtà tra le più dinamiche nelle nuove tecnologie, il Bluethoot e il pacemaker sono infatti il prodotto del mutuo scambio tra ricerca universitaria e grandi compagnie.

Unico problema, per chi non ama il freddo, le temperature costantemente vicine allo zero,anche se questo pare uno scotto ben misero da pagare in cambio di sole di mezzanotte,aurore boreali e un incredibile vita notturna.

Google+
© Riproduzione Riservata