• Google+
  • Commenta
11 Maggio 2019

Stipendio da europarlamentare: quanto guadagna, retribuzione e pensione

Stipendio da europarlamentare
Stipendio da europarlamentare

Stipendio da europarlamentare

Ecco a quanto ammonta lo stipendio da europarlamentare: quanto guadagna un deputato al parlamento europeo, retribuzione media, rimborsi e pensione.

Per capire quanto guadagna un europarlamentare e soprattutto, quanto costa ogni deputato all’Unione Europea, cominciamo facendo una prima distinzione tra la retribuzione lorda e netta mensile degli europarlamentari.

Lo stipendio mensile di un eurodeputato attualmente ammonta ad 8757, 70 euro. Ogni deputato europeo ha diritto non solo alla retribuzione mensile ma a  tutta una una serie di altri rimborsi, oltre che alla alla pensione. Questa spetta di diritto dopo aver compiuto il sessantatreesimo anno di età. L’Unione Europea ha stabilito che la pensione degli europarlamentari è pari al 3,5% della retribuzione per ciascun anno completo di esercizio del mandato, senza mai superare il tetto del  70%.

Il lavoro degli europarlamentari si divide tra Strasburgo, sede delle circoscrizioni elettorali di appartenenza e Bruxelles. Ogni eurodeputato partecipa ai lavori delle commissioni, alle discussioni e al voto in aula.

Qual è lo stipendio da europarlamentare: quanto guadagna, retribuzione netta mensile e annuale

Non basta sapere qual è lo stipendio da europarlamentare, ma è necessario dire che dura la vita dei deputati del Parlamento Europeo. Questo per capire che gode di un generoso reddito da lavoro politico.  Il regolamento europeo prevede che gli europarlamentari guadagnino 8757,70 euro lordi mensili. La retribuzione netta dei deputati europei non è la stessa per tutti.

Allo stipendio lordo vanno detratte alcune imposte  che variano a seconda del paese di origine. Partendo dalla base lorda, gli europarlamentari guadagnano quindi non meno di  6824,00 euro al mese.

Ogni deputato si divide tra la sede del Parlamento di Strasburgo e Bruxelles. L’Unione corrisponde ad ogni europarlamentare 4513 euro mensili per le spese di rappresentanza.  La stessa cifra si dimezza a 2250 euro quando  non si partecipa  a metà delle sedute parlamentari.

Abbiamo visto che il lavoro dell’europarlamentare si divide tra Strasburgo e Bruxelles. Quando partecipano alle sedute gli eurodeputati aggiungono al loro stipendio 320 euro al giorno.  A questi cui vanno aggiunti i rimborsi per le spese di viaggio, vitto e alloggio. Ma non finisce qui.

Gli europarlamentari hanno diritto di scegliere direttamente i propri assistenti. Per questo hanno a disposizione 24.526 euro al mese da destinare a questi collaboratori. In passato la questione ha sollevato non poche polemiche. Resta ancora oggi il sogno di molti giovani che anche per questo si legano ad un parlamentare sin dalla campagna elettorale. Per questo l’Unione Europea vieta agli europarlamentari di scegliere familiari stretti come assistenti. A tutto questo si aggiungono anche i rimborsi per eventuali spese mediche. Si preferiscono giovani esperti professionisti che da anni cercano posizioni negli ufficio dell’UE.

Privilegi Europarlamentare e pensione netta mensile e annuale

Un europarlamentare che per quattro anni lavora tra Strasburgo e Bruxelles di fatto percepisce un generoso stipendio da europarlamentare. Rimborsi per spese di viaggio, vitto e alloggio rientrano nella lunga lista dei privilegi da europarlamentare.

Ma finito il mandato di quattro anni, cosa resta al deputato europeo? Niente paura. Ogni deputato ha diritto a un’ indennità che è pari alla somma di 17.515 euro. Bastano quattro anni di mandato per ottenere poi di diritto la pensione. Ebbene si. Al sessantatreesimo anno di età ogni europarlamentare ottiene un assegno pensionistico di 1226 euro lordi al mese. Il netto cambia a seconda del paese di origine.

Tanti i mandati, tante le pensioni. Da regolamento UE la pensione dell’europarlamentare si calcola al 3,5% dell’indennità  ed è cumulabile per ogni anno compiuto di mandato. 

Google+
© Riproduzione Riservata