• Google+
  • Commenta
23 febbraio 2012

Post Erasmus poliglotti: i tandem di lingua per non dimenticare

Pico della Mirandola parlava circa venticinque lingue.  Alex Rawlings, ventenne studente della Oxford University è stato nominato dalla casa editrice Harper Collins lo studente che parla più lingue del Regno Unito: undici, tra le quali il greco l’afrikaans e l’ebraico.

C’è chi invece, tornato dall’Erasmus è affetto da mutismo. E allora per ricominciare a parlare la vostra “seconda” lingua,  rivolgetevi a ESN, Erasmus Student Network Italia, l’associazione no-profit nata nel 1994 che promuove gli scambi internazionali fra studenti.

Attiva in 33 paesi in Europa, conta 18.000 soci e 44 sezioni locali. Basata sul principio dello “Students Helping Students”, l’organizzazione è nata dalla necessità di assistere gli studenti stranieri in arrivo in Italia, offrendo loro un servizio di orientamento fondamentale soprattutto nei primi giorni in una città straniera.

Particolarmente utili sono gli scambi linguistici o Tandem organizzati nelle varie Università. L’ESN dell’Università Roma Tre ad esempio ha creato un progetto Tandem al quale possono partecipare tutti gli studenti universitari italiani e stranieri. Anche gli ex-Erasmus possono iscriversi a ESN Roma 3 al costo di 10 euro.  L’iscrizione può essere effettuata all’inizio di ogni semestre, compilando un modulo on-line.

A seconda della lingua richiesta, ESN Roma 3 abbinerà gli iscritti. Ci si incontrerà durante un  Tandem Party di inaugurazione e durante i successivi incontri organizzati con cadenza regolare, di cui è possibile avere notizie sul sito www.esnroma3.com.  Si consiglia di incontrarsi almeno due volte al mese e di bilanciare il tempo dedicato ad ogni lingua.

A Roma, anche l’associazione Erasmus SPQE organizza scambi linguistici in bar a Campo dé Fiori, Trastevere o in zona Termini.

 

Google+
© Riproduzione Riservata