• Google+
  • Commenta
16 febbraio 2012

Quando l’alcol uccide più dell’Aids

Il prof. Devi Sridhar lancia l’allarme: l’alcol uccide più di Aids, tubercolosi e malaria

Uno studio recente, promosso dal prof. Devi Sridhar dell’Università di Oxford e pubblicato su Nature, ha evidenziato un dato eclatante riguardante le vittime di alcol: ogni anno circa il 4% dei decessi su scala globale è causato da un eccessivo consumo di bevande alcoliche.

La percentuale in questione, già di per sé abbastanza allarmante, risulta ancora più preoccupante se si considera che le vittime di Hiv, malaria e tubercolosi non raggiungono questo elevato livello di decessi annuali. Devi Sridhar lancia dunque l’allarme e mette in guardia l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Questa, infatti, non ha ancora stabilito alcun vincolo che permetta di diminuire drasticamente il consumo di alcol nei vari stati. I risultati dello studio britannico hanno dunque il compito di far riflettere l’OMS sull’estrema necessità di un trattato che stabilisca delle regole rigide per gli stati, in modo da ridurre il più possibile i decessi causati ogni anno dall’alcol.

 

Google+
© Riproduzione Riservata