• Google+
  • Commenta
9 marzo 2012

Bari: nasce la Consulta degli studenti universitari

Dopo un’attesa durata più di un anno, è stata approvata ieri dal Consiglio Comunale la Consulta degli studenti universitari di Bari.

Una vera e propria vittoria per gli studenti baresi, che finalmente si doteranno di uno strumento di partecipazione attiva che vedrà coinvolti enti, istituzioni e università.

La Consulta avrà infatti il compito di collaborare con l’assessorato alle Politiche Giovanili in qualità di organo con funzioni consultive, propositive, di studio e osservazione. Potrà proporre progetti, iniziative e ricerche di interesse universitario, dalle problematiche dei fuori sede e pendolari, al mondo del lavoro per i laureati e le prospettive future per i dottorandi.

Ne faranno parte studenti del Politecnico di Bari e dell’Università degli Studi di Bari, vi saranno rappresentanti dei cinque collegi studenteschi, della categoria dei dottorandi, del Conservatorio e dell’Accademia di Belle Arti. I restanti posti rispecchieranno la composizione dei Consigli degli Studenti dei due atenei.

E’ stata così mantenuta la promessa fatta pochi giorni fa dal sindaco di Bari Michele Emiliano che, in occasione dell’incontro “La città nella città” tra istituzioni e studenti universitari, si era fatto carico personalmente di dar seguito alla richiesta dei giovani, delusi dopo i numerosi rinvii nelle precedenti sedute comunali.

“Mi ero impegnato personalmente con i rappresentanti degli universitari ad istituire a Bari la Consulta degli Studenti, ha commentato il sindaco, un luogo che darà finalmente voce ai nostri concittadini più giovani. Oggi abbiamo mantenuto quell’impegno e di questo ringrazio i consiglieri comunali e l’assessore alle Politiche Giovanili Fabio Losito. Considero l’istituzione di questa Consulta un momento fondamentale, perché da un lato consentirà al Sindaco e alla Giunta di osservare la città con lo sguardo dei più giovani, e agli studenti darà la possibilità di partecipare attivamente alla vita pubblica”.

Un vero e proprio “ponte” tra università ed istituzioni, per ridurre la distanza che ad oggi li separa: uno sguardo alla realtà di quella che vorrebbe essere una città universitaria, con gli occhi di chi la conosce, la frequenta, di chi ne è parte.

Google+
© Riproduzione Riservata