• Google+
  • Commenta
22 marzo 2012

Convegno internazionale: Le origini dello studio generale sassarese nel mondo universitario europeo nell’età moderna.

Si terrà giovedì 22 e venerdì 23 marzo nell’Aula magna del Rettorato il convegno internazionale di studi, dal titolo “Le origini dello studio generale sassarese nel mondo universitario europeo nell’età moderna”: una due giorni articolata in sette sessioni che vedrà l’intervento di trentacinque studiosi appartenenti a tredici diversi Atenei italiani, quattro spagnoli, oltre che dalle Università di Louvain La Neuve, Ginevra, Toronto, Unam Città del Messico. I relatori daranno vita a un confronto scientifico di grande respiro e analizzeranno le principali eredità culturali che hanno influito sulla storia dell’Università di Sassari in una prospettiva europea. In modo particolare troveranno spazio una riflessione sul modello universitario gesuitico e sul rapporto con le università spagnole. Il convegno consentirà di cogliere i tanti significati di un’identità, quella dell’Ateneo turritano, ricca e al contempo molto complessa e rappresenta uno degli appuntamenti più importanti del programma legato alle celebrazioni del 450esimo anniversario dell’Università di Sassari.

L’evento si aprirà domani mattina, alle 9.00, con i saluti del Magnifico Rettore dell’Università di Sassari Attilio Mastino, dell’assessore delle Culture e Turismo del Comune di Sassari Dolores Lai, dell’assessore della cultura della Provincia di Sassari Franco Farina e dell’assessore della Pubblica Istruzione della Regione Autonoma della Sardegna Sergio Milia. Inizieranno poi i lavori. Nel corso della prima sessione dedicata a “ll movimento delle università nella prima età moderna” interverranno Gian Paolo Brizzi (Università di Bologna e presidente del Centro Interuniversitario per la Storia delle Università Italiane), Paul Grendler, (Università di Toronto), Adriano Prosperi (Scuola Normale Superiore, Pisa). Nella sessione successiva che riguarderà “Le origini dello Studio generale sassarese” prenderanno la parola Maria Teresa Guerrini, (Università di Bologna), Raimondo Turtas e Mauro Sanna, (Università di Sassari), Carla Ferrante (Archivio di Stato di Cagliari). I lavori saranno moderati da Antonello Mattone, Presidente del Comitato per le celebrazioni del 450esimo della fondazione dell’Università di Sassari.

Nel pomeriggio il convegno riprenderà con una sessione dal titolo “Nell’orbita dell’Impero spagnolo” a cui prenderanno parte Manuel Martínez Neira, (Università Carlos III, Madrid), Mariano Peset (Università di Valencia), Rafael Ramis Barceló (Università delle Isole Baleari), Maria Paz Alonso Romero, (Università di Salamanca), Enrique Gonzales y Gonzales e Victor Gutierrez Rodriguez (UNAM Città del Messico), Françoise Hiraux (Università cattolica di Louvain la Neuve) Ileana del Bagno (Università di Salerno) Daniela Novarese, (Università di Messina), Rosalba Sorice (Università di Catania), Alessandra Ferraresi (Università di Pavia).

L’indomani il convegno aprirà con una sessione riguardante “Il modello gesuitico” con le relazioni di Orazio Condorelli, (Università di Catania), Angelo Bianchi (Università Cattolica di Milano), Umberto Baldini, Università di Padova. La sessione successiva verterà su “Le riforme universitarie boginiane in Sardegna” e vedrà il contributo di Giuseppe Ricuperati (Università di Torino), Piero Sanna (Università di Sassari), Pierpaolo Merlin (Università di Cagliari).  Il focus si sposterà poi su “La città di Sassari e la sua Università” con gli interventi di Manlio Brigaglia (Università di Sassari), Giuseppina Fois (Università di Sassari). I lavori saranno coordinati da Gianni Francioni, Pro Rettore Università di Pavia.

Il pomeriggio riprenderà con una sessione su  “Gli ambiti di ricerca e la circolazione del sapere”:  interverranno Paolo Broggio (Università di Roma 3), Giancarlo Zichi (Archivio Diocesano di Sassari), Italo Birocchi (Università di Roma La Sapienza), Antonello Mattone (Università di Sassari), Giancarlo Nonnoi (Università di Cagliari), Bernardino Fantini (Università di Ginevra), Eugenia Tognotti (Università di Sassari), Stefania Bagella (Università di Sassari). La moderazione sarà affidata a Francesco Sini, Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Sassari e le conclusioni ad Andrea Romano (Università di Messina).

Google+
© Riproduzione Riservata