• Google+
  • Commenta
6 marzo 2012

IUC: Il sole, di chi è?

Domenica 11 marzo alle 11.00 (con repliche per le scuole il 12 alle 9.30 e 11.30) alla Sala Umberto, fuori abbonamento, la IUC -Istituzione Universitaria dei Concerti presenta Il sole, di chi è?, una piccola opera musicale di Silvia Colasanti, su un testo tratto da un racconto di Roberto Piumini, uno dei più noti scrittori italiani per l’infanzia, che ha saputo conquistare il suo giovanissimo pubblico sia con i libri sia con trasmissioni radiofoniche e televisive, come L’albero azzurro, di cui scrive i testi per dieci anni insieme a Bianca Pitzorno.

Questa piccola e fantasiosa fiaba musicale, destinata a spettatori dai 5 ai 10 anni d’età, narra di un lucertolone ignorante che scaccia le piccole lucertole dal sole, con la pretesa di averlo tutto per sé. Le lucertole protestano e soffrono, consapevoli della loro debolezza. A nulla serve l’aiuto del rospo e del topo, che si battono coraggiosamente ma sono sconfitti dal prepotente. Risolverà ogni cosa la saggia gazza, con un astuto trucco.

Silvia Colasanti è una delle figure più interessanti nel gruppetto di punta dei nuovi compositori italiani e le sue musiche sono eseguite all’Accademia di Santa Cecilia, alla Biennale di Venezia, a Londra, Berlino, Parigi, Vienna, Bruxelles, Lisbona, Glasgow, ecc.

Al prossimo Maggio Fiorentino sarà rappresentata in prima assoluta la sua opera La Metamorfosi, tratta dal racconto di Kafka.

Ma in Il sole, di chi è? ha messo da parte ogni complessità e ha scritto con mano delicata una musica semplice e adattissima a questo pubblico speciale, perché caratterizzata da una spontanea immediatezza. “Mi ha senz’altro aiutato – racconta la compositrice romana – la lunga esperienza fatta in alcuni laboratori di percussioni nelle scuole elementari. I bambini non nutrono timori nei confronti della musica classica, sono anzi sempre molto disponibili, proprio perché non hanno pregiudizi. Nel comporre Il sole, di chi è? ho usato moduli musicali chiari, ripetuti più volte, soprattutto cercando una ben riconoscibile caratterizzazione musicale dei personaggi“.

In poco meno di un’ora Il sole di chi è? la Colasanti è riuscita a condensare due finalità strettamente intrecciate, l’educazione musicale dei più piccoli e la formazione del nuovo pubblico. Per questo prima dell’esecuzione gli interpreti presentano i loro strumenti uno a uno, in modo da renderli poi riconoscibili alle orecchie dei più piccoli.

Lo spettacolo è affidato alla regia di Francesco Frongia, che nella sua attività mescola la poesia, la creazione di video e la regia di spettacoli teatrali e musicali. Giovanni De Francesco ha realizzato costumi, maschere e scenografie.

I cantanti e attori di Musicamorfosi formano un gruppo specializzato in spettacoli in cui video e teatro, musica classica e contemporanea, jazz e musica etnica si mescolano in un coerente e accattivante mix espressivo, da cui sono stati conquistati e coinvolti artisti come Mario Brunello, Vinicio Capossela, Stefano Bollani, Filippo Timi e Moni Ovadia, che hanno collaborato ai loro spettacoli. Suona il Poliminia Ensemble, fondato a Roma nel 1985 e da allora regolarmente protagonista in festival, rassegne e teatri italiani e internazionali.

Sono di ottimo auspicio le festosissime accoglienze che Il sole, di chi è? ha già avuto dal giovanissimo pubblico a Lucca, Firenze, Cremona, Milano, L’Aquila e Genova, con un gran numero di repliche. E ancora altre città l’attendono dopo Roma.

 

Google+
© Riproduzione Riservata