• Google+
  • Commenta
7 marzo 2012

Le piante: un mezzo per ripulire l’ambiente?

Bonifiche: il risanamento ambientale. Fitorisanamento: come le piante possono aiutarci a ripulire l’ambiente. E’ questo il tema dell’incontro per il ciclo “I giovedì della scienza”, in programma l’8 marzo 2012 (ore 17.30) al Centro culturale Candiani di Mestre su iniziativa della Biblioteca di Area Scientifica (Bas) dell’Università Ca’ Foscari che ha ideato il progetto “Cono-Scienze: comunicare e argomentare le scienze”.

Nel corso dell’incontro si discuterà di un tema di grande attualità: la bonifica e la riqualificazione ambientale di siti contaminati, problema di grande rilevanza sociale, in particolare quando queste aree sono inserite in contesti urbani o produttivi.

Anche nel nostro territorio ci sono siti i cui suoli presentano livelli di inquinanti superiori ai valori limite di accettabilità stabiliti dalla legge, prevedendo così l’obbligo di bonifica e ripristino. Le tecnologie tradizionali di bonifica, come lo scavo e asporto dei terreni inquinati, hanno spesso un forte impatto anche economico sia sul sito che sull’ambiente circostante.

In questo incontro si parlerà di fitorisanamento che rispetto ai metodi tradizionali,  permette di preservare la qualità e la funzionalità del suolo, in vista di un suo futuro utilizzo; questo, unitamente ai bassi costi energetici e di gestione, la rende una tecnologia sostenibile sia dal punto di vista ambientale che socio-economico. Alcuni esempi di sperimentazioni condotte a Mestre e a Murano aiuteranno a meglio comprendere le potenzialità di questa tecnologia, che negli ultimi anni sta ricevendo la dovuta attenzione.

A parlarne sarà il docente di Ca’ Foscari Emanuele Argese (Università Ca’ Foscari, Dipartimento di Scienze Molecolari e Nanosistemi)
con il coordinamento scientifico di Giorgio Conti (Dipartimento di Scienze Ambientali, informatica e statistica).

Per maggiori informazioni:

fhttp://www.unive.it/nqcontent.cfm?a_id=89958
http://www.unive.it/nqcontent.cfm?a_id=97829

Il prossimo appuntamento è in programma giovedì  22 marzo (ore 17.30) con l’incontro dal titolo “Bonifiche: la riqualificazione urbana. I grandi progetti per una Marghera del futuro” a cura di. Emanuele Zanotto di

Cos’è Cono-Scienze?  

“Cono-Scienze: comunicare e argomentare le scienze” è il contenitore che racchiude una parte delle attività culturali della Biblioteca di Area Scientifica.

Che obiettivi si propone?  

Fare divulgazione scientifica in vari modi: presentazione di libri, dibattiti, esperimenti ….  In pratica facendo uscire gli scienziati dai laboratori per parlare delle proprie esperienze e di temi di attualità, il tutto con un linguaggio comprensibile anche ai non addetti ai lavori.

A chi è diretta Cono-Scienze?  

Agli studenti universitari. A chi è curioso. A bambini, giovani e meno giovani, a tutti quelli che  hanno voglia di sapere e crescere nella conoscenza delle scienze.

A chi ha voglia di parlare con i ricercatori, in un rapporto diretto tra comunicazione tecnico-scientifica e ascolto delle opinioni-domande del pubblico.

Dove viene svolta questa attività?

Al Centro Culturale Candiani di Mestre con i Giovedì della Scienza che intendono stabilire un rapporto diretto tra la comunicazione tecnico-scientifica e il pubblico. Non una divulgazione neo – positivista “La scienza per tutti”, calata dall’alto verso il basso, ma un argomentare articolato e documentato, riferito alle grandi questioni attuali che interrogano il futuro dell’umanità come: l’energia nucleare, i cambiamenti climatici, la chimica verde, le energie rinnovabili, il rapporto tra esseri umani ed esseri animali, ecc.  Nel corso degli incontri, i ricercatori oltre al loro sapere metteranno in gioco la loro personalità, i loro valori, perché nell’evoluzione e nel riconoscimento del sapere scientifico sono sempre state strategiche le valenze etiche, sociali, politiche, economiche.

Google+
© Riproduzione Riservata