Piante antinfiammatorie: erbe e rimedi naturali, quali sono e come usarli

Bruna Esposto 22 Dicembre 2020

L’elenco completo delle piante antinfiammatorie: che cosa sono, a che cosa servono, come usarle, proprietà curative, controindicazioni e come coltivarle.

Aglio, liquirizia, curcuma, aloe vera e artiglio del diavolo, sono alcune delle erbe contenute nell’elenco delle piante antinfiammatorie per le articolazioni, intestino, vie urinarie, prostata, la gola, mal di testa, pelle e per i nervi, le cui proprietà curative sono preziose per la salute umana. I loro effetti benefici possono aiutare a prevenire infiammazione e dolore.

Che cos’è l’infiammazione, e quando una pianta può essere definita antinfiammatoria? Che cosa mangiare per ridurre l’infiammazione? Queste sono solo alcune delle domande a cui risponderemo in questo articolo. Quindi, prima di consultare l’elenco completo delle erbe antinfiammatorie occorre capire a che cosa servono e come poterle utilizzare.

L’infiammazione rappresenta il meccanismo di difesa più efficace contro patogeni, tossine, ustioni  lesioni, infezioni e allergie, determinando conseguentemente un processo riparativo. È riconoscibile dall’insorgenza di 5 sintomi: arrossamento, aumento della temperatura, dolore, gonfiore e riduzione della funzionalità. Può causare dolore e per ridurre il processo infiammatorio si utilizzano farmaci antinfiammatori o erbe e piante medicinali con proprietà antinfiammatorie che stimolano la risposta immunitaria e riducono il dolore.

Una pianta viene definita tale, se contiene sostanze che possono essere utilizzate per prevenire lo sviluppo infiammazioni o facilitarne il trattamento riducendo i sintomi da essa generati. Ma dove è possibile acquistarle e come? Ovviamente dipende dalla specie, ma si possono trovare fresche, secche e in polvere in qualsiasi erboristeria, sotto forma di infusi, decotti, tinture alcooliche o vinose, olii essenziali, integratori alimentari e capsule. Famosissime sono le tisane antinfiammatorie a base di malva come antinfiammatorio naturale per l’intestino.

Ecco, di seguito, l’elenco completo delle piante medicinali antinfiammatorie, a che cosa servono e come usarle, le loro proprietà curative, controindicazioni e come coltivarle.

Erbe piante antinfiammatorie e rimedi naturali, quali sono e a cosa servono: elenco completo

Quali sono le migliori erbe e piante antinfiammatorie per l’intestino, prostata, pelle, articolazioni, vie urinarie, la gola, mal di testa e per i nervi?

  • Curcuma: combatte diverse infiammazioni e dolori cronici come i dolori muscolari, il mal di denti e artrite.
  • Zenzero: contrasta le infiammazioni dovute a osteoartrite e artrite reumatoide.
  • Boswellia: inibisce la sintesi dei leucotrieni, delle prostraglandine e degli enzimi che degradano il tessuto cartilagineo.
  • Artiglio del diavolo: indicata in caso di dolori muscolari, quali  tendiniti, osteoatrite, artrite reumatoide, mal di schiena, mal di testa, cervicale, contusioni, sciatica, artrite e artrosi.
  • Pepe di cayenna: indebolisce il segnale di dolore che il corpo manda al cervello, usata per dolori articolari, mal di testa e eruzioni cutanee.
  • camomilla
  • Malva: contro infezioni vaginali, tosse grassa o infiammazioni intestinali alle gengive o per il mal di denti.
  • Aglio: mal di denti, otite e dolori muscolari,  aiuta a controllare la pressione arteriosa proteggendo il sistema cardiovascolare.
  • Liquirizia: gastroprotettiva ed espettorante, ha un’azione antibatterica.
  • Cannella: contrasta le infiammazioni dovute all’assunzione di cibi troppo grassi
  • Aloe vera: efficace nei casi di artrite, di reumatismi e di dolori articolari. Ottima per i disturbi intestinali come gastrite, colite, intestino irritabile, ulcera e in generale infiammazioni delle mucose.
  • Arnica: per il trattamento di disturbi legati al sistema cutaneo e all’apparato osteoarticolare. Riduce le infiammazioni nelle distorsioni o slogature, il dolore dovuto a traumi, ematomi, stiramenti e contusioni,  favorisce l’assorbimento di lividi.
  • Spirea: inibisce la sintesi delle prostaglandine, responsabili della sensazione di dolore e del infiammazione. Usata contro i malanni di stagione, artrosi, artrite reumatoide, mal di denti, mal di schiena e problemi cervicali.
  • Camomilla: antispasmodico nei disturbi gastrointestinali e antinfiammatorio locale per la cute ed il cavo orale.

Controindicazioni antinfiammatori naturali: chi deve evitarli

Le piante e erbe antinfiammatorie apportano tanti vantaggi all’organismo, ma possono insorgere controindicazioni ed effetti collaterali se si fa  un consumo eccessivo e prolungato. È necessario consultare il proprio medico curante quando si decide di utilizzare un rimedio naturale. Specialmente in caso di malattie pregresse, assunzione di farmaci o integratori alimentari, in caso di gravidanza e allattamento, nei bambini, oppure in caso di allergia verso uno o più componenti che lo costituiscono. Le controindicazioni ovviamente variano da pianta a pianta, ecco perché è fondamentale rispettare sempre le dosi consigliate senza esagerare.

L’assunzione di zenzero e curcuma è sconsigliata se si fa uso di farmaci per il diabete, antinfiammatori e antigoagulanti, specialmente prima di un’intervento. Lo zenzero può provocare gastriti e ulcere se si superano le dosi giornaliere. La liquirizia deve essere evitata da chi soffre di ipertensione,  ipopotassiemia e ipenatriemia, o ha problemi di grave insufficienza renale, cirrosi epatica e diabete.

L’ artiglio del diavolo è controindicata a chi è affetto da gastrite e ulcera peptica, interagisce inoltre con farmaci anticoagulanti, ipotensivi, ipoglicemizzanti orali, antiaritmici e FANS. L’arnica può provocare lesioni di tipo irritativo o caustico nella sede di applicazione. La boswellia in alcuni rari casi può causare eruzioni cutanee, nausea e diarrea. La malva, invece,  è un rimedio sicuro, è controindicata solo in caso di ipersensibilità a uno o più componenti presenti nella pianta. La spirea è controindicata ai soggetti con ipersensibilità accertata all’acido-acetil-salicilico e a chi è in trattamento con cardioaspirina o anticoagulanti del sangue.

Il prelievo delle erbe in natura è fortemente sconsigliato se non si ha una adeguata preparazione naturalistica e botanica. Alcune piante medicali sono protette da vincoli che ne limitano il prelievo, mentre altre sono molto simili ad erbe molto pericolose e possono essere facilmente confuse.

Quali piante antinfiammatorie è possibile coltivare e come fare

Grazie alle loro caratteristiche botaniche la gran parte delle erbe e piante antinfiammatorie, sono facilmente coltivabili in Italia, che sia in giardino o in appartamento in vaso.

La coltivazione della curcuma e dello zenzero si esegue con frammenti di rizomi, amano il clima caldo e umido. La coltivazione in vaso è da preferirsi, per agevolare la possibilità di tenerla a riparo durante l’inverno. Per quanto riguarda la liquirizia, la coltivazione avviene dai semi. Ama luoghi soleggiati e va innaffiata sporadicamente. La spirea ama le posizioni luminose e soleggiate ma tollera abbastanza bene il freddo.

L’artiglio del diavolo viene coltivata oltre che per le sue proprietà anche come pianta ornamentale. Ama i luoghi più soleggiati e caldi, al riparo dalle gelate notturne, predilige terreni particolarmente sabbiosi e deve essere irrigata solo nel periodo estivo. L’arnica ama i luoghi semi-ombrosi o al riparo di alberi ad alto fusto, predilige terreni sciolti, ben drenati e con PH leggermente acidi. La malva si propaga tramite semi, predilige i luoghi soleggiati e terreni drenati misti a sabbia. L’aloe predilige i climi caldi, difficilmente resiste a temperature al di sotto dei 0°. Il terreno migliore per la sua crescita è costituito da 3 parti di sabbia e una di terriccio su un fondo di argilla, in quanto teme i ristagni idrici.

© Riproduzione Riservata
avatar Bruna Esposto Sono una naturalista con la passione per la scrittura.Nel 2015 ha deciso di aprire un blog che le permettesse di unire la passione per la natura e la fotografia con la sua esigenza di raccontare e raccontarsi.Dal 2017 grazie al suo blog e al suo profilo instagram ha lavorato come Influencer marketing e content creator collaborando con oltre 100 brand in tutto il mondo, realizzando per loro articoli e fotografie.Grazie ai contatti su instagram ha potuto collaborare con giornali online. Questa esperienza è stata fondamentale in quanto l’ha spronata a migliorarsi e ad approfondire le tematiche relative alla Seo, l’html e Wordpress. Leggi tutto