• Google+
  • Commenta
25 marzo 2012

“Mai per Amore”: La rivincita delle donne!

Presentata ieri in conferenza stampa la fiction rai “Mai per Amore” , una ‘collana’ composta da quattro film..Un tema drammatico e purtroppo attuale quello che avvolge la fiction, la violenza sulle donne, analizzata e proposta nelle sue diverse sfaccettature nei quattro film: “Troppo Amore” (stalking),  “Ragazze in Web“( violenza e pericolosità del web) “Helena e Glory” (racket della prostituzioen) e “La fuga di Teresa” ( violenza domestica). Il progetto è stato ideato dal direttore di Rai Fiction, Fabrizio Del Noce , prodotto da Claudia Mori con soggetto di Angelo Pasquini e Roberto Tiraboschi.

A sorreggere l’impalcatura la scelta dei tre registi che firmano i film: Liliana Cavani, Marco Pontecorvo e Margharete Von Trotta. A dare smalto ha contribuito soprattutto un cast femminile variegato composto da Antonia Liskova, Stefania Rocca, Carolina Crescentini, Francesca Inaudi e Barbora Bobulova. Dalla sua anche la canzone di Gianna NanniniMai per Amore” composta appositamnete per la fiction dalla quale prende il titolo.

“Credo che la fiction debba occuparsi del servizio pubblico quindi di temi di grande attualità come questo anche se così drammatico, il risultato è valido visto il cast e i registi”, così ha esordito Del Noce in conferenza stampa. Anche la Mori, produttrice della serie ha espresso la sua :”La proposta mi è arrivata a sopresa da Del Noce e ho subito accettato! E’ stato faticoso ma entusiasmante, tutti abbiamo messo un grande impegno!”

Una scelta coraggiosa quella di affrontare un tema così scottante ma purtroppo sempre più frequente, basti pensare i dati statistici che rilevano 36 omicidi di donne  in questi soli primi tre mesi del 2012 nel nostro Paese! Un incubo che il più delle volte si sviluppa proprio nelle mura di casa, mariti,padri,  fidanzati che si rivelano carnefici.

“Io girando il mio film, quando abbiamo fatto ricerche sulle basi non credevo che le cose fossero così gravi!Il messaggio che passa è forte, la cosa positiva è che è stata fatta una legge che tutela le donne!”così ha dichiarato la regista Liliana Cavani che dirige il film “Troppo Amore” .Una fiction diversa , meno spensierata e di intrattenimento che si propone di indagare nelle radici profonde di questo diffuso fenomeno invitando alla riflessione  e  alla denuncia!
Appuntamento da martedì  27 marzo su Raiuno, fino al 17 aprile.

Google+
© Riproduzione Riservata