• Google+
  • Commenta
20 marzo 2012

“Monastero_SwitchOff”: come coniugare fruizione dei beni culturali e risparmio energetico

Il risparmio energetico è un tema caro all’Ateneo catanese che da alcuni anni si sta dotando di nuovi sistemi di efficientamento, grazie al contributo di Cofely Italia: un esempio per tutti è il parco fotovoltaico della Cittadella Universitaria che consente un taglio di emissioni nell’atmosfera di oltre 3000 tonnellate di anidride carbonica annue.

La sensibilità rivolta al tema è dimostrata anche dalla partecipazione del dipartimento di Scienze umanistiche con la facoltà di Lettere e Filosofia alla giornata del risparmio energetico lo scorso 17 febbraio – M’illumino di meno – lanciata dalla trasmissione radiofonica Caterpillar in onda su Rai Radio 2. In quell’occasione è stato “spento” il Monastero dei Benedettini, contribuendo così simbolicamente alla riduzione degli sprechi energetici.

M’illumino di meno è divenuto il pretesto per installare il sistema “SwitchOff”, ad opera di Cofely Italia, Gruppo GDF SUEZ: ovvero un nuovo impianto che rende compatibile la fruizione del Bene Culturale e la riduzione di eventuali sprechi.

Si tratta di una tecnologia basata sul controllo automatico a distanza che permette quindi di accendere e spegnere all’occorrenza gli ambienti delle cucine benedettine (oggi Museo della Fabbrica), tappa conclusiva delle visite guidate. Un altro importante passo avanti, teso alla riduzione degli sprechi e ad un uso intelligente delle risorse.

All’incontro con i giornalisti interverranno: il prof. Carmelo Crimi, direttore del dipartimento di Scienze umanistiche dell’Università di Catania; il prof. Enrico Iachello, preside della facoltà di Lettere e Filosofia; l’ing. Agatino Pappalardo, Energy Manager dell’Ateneo; l’ing. Paolo Musmarra, per la Cofely Italia; la prof.ssa Anna Mignosa e il dott. Francesco Mannino, rispettivamente presidente e vicepresidente di Officine Culturali.

Per informazioni è possibile chiamare i numeri 095.7102767 | 334.9242464 oppure consultare il sito www.officineculturali.net

Google+
© Riproduzione Riservata