• Google+
  • Commenta
18 aprile 2012

319 domande Erasmus all’Università di Urbino

Record all’Università di Urbino: per l’anno 2012-2013 sono state ben 319 le domande presentate dagli studenti per partecipare al progetto di studio all’estero.


Sotto lo slogan ”’Muoversi in Europa” martedì 17 in mattinata, è stato organizzato dall’ateneo un convegno presso la sala rossa di Palazzo Battiferri al quale hanno partecipato numerosi studenti, speranzosi di poter ottenere ulteriori informazioni riguardo alle modalità dei progetti inerenti all’internazionalizzazione e allo scambio.

Sono stati diversi gli interventi nel corso del convegno, inoltre, non sono mancate testimonianze di ragazzi che hanno vissuto sulla propria pella un’esperienza così formativa quale quella dell’Erasmus.

In primis, è intervenuto Fabrizio Maci dell’Ufficio relazioni internazionali dell’Università di Urbino il quale ha raccontato con soddisfazione le così tante richieste pervenute agli uffici. Inoltre Maci ha proseguito affermando che non tutte queste borse potranno però essere finanziate, ”aspettiamo giugno per conoscere i finanziamenti assegnati dal Ministero”. In caso di soggiorni di lunga durata, nove mesi o più,  Maci spiega che “il contributo di 230 euro al mese è garantito per i primi cinque mesi per gli Erasmus”. I vincitori di Erasmus Placement, invece, “vengono rimborsati con 500 euro mensili”.

Il convegno ha vantato la presenza anche di Simona Pigrucci, dell’ufficio Stage e Placement la quale sottolinea che “le ricerche Almalaurea dimostrano che un’esperienza all’estero fa la differenza in un curriculum”  esortando quindi i candidati alla borsa a “prepararsi e dimostrare un buon livello della lingua del paese ospitante”.

In ultimo, ma non meno importante, Marcello Pierini, direttore del Centro Europe direct Marche dell’Università, si è soffermato sul programma quadro europeo per la ricerca e lo sviluppo riportando stime e percentuali relative ai finanziamenti dell’UE per la mobilità dei ricercatori nel lasso di tempo 2007-2013.

Come detto in precedenza, al convegno non sono mancati interventi di studenti tornati dall’Erasmus. Dato il fatto che le destinazioni scelte sono soprattutto indirizzate verso Paesi Anglofoni e Spagna, sono state ascoltate testimonianze proprio di coloro che avevano soggiornato in questi Paesi. Chi racconta dei problemi per la sistemazione e l’alloggio, chi spiega come questa esperienza ha potuto forgiare e smussare la timidezza e l’insicurezza, chi invece ha intenzione di tornare nell’ex Paese ospitante una volta conseguita la laurea.

Ce ne sono insomma per tutte le necessità e le preferenze. Questo nuovo numero, 319, testimonia come l’Erasmus stia diventando un’esperienza sempre più gettonata e cercata: forse gli studenti si stanno rendendo sempre più conto del grande valore aggiunto che solo un soggiorno di studio all’estero può dare.

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy