• Google+
  • Commenta
19 aprile 2012

America Pie: Ancora Insieme! Tra sesso e risate!

Arriva il 4 maggio nelle sale italiane “American Pie: Ancora Insieme“. Dopo  i fortunati capitoli della serie nel 99, 2001 e 2003 siamo all’ultimo atto dove sono trascorsi dieci anni e la classe del 99 si ritrova per una rimpatriata dopo il liceo, scoprendo i vari cambiamenti delle loro vite. Diretto da  Jon Hurwitz e Hayden Schlossberg, il film promette ancora “tempeste ormonalii” e risate per gli appassionati del genere,  ponendo però l’attenzione sul tema dell’amicizia, un legame che se autentico difficilmente il tempo può scalfire! In occasione della conferenza stampa alla Casa del Cinema di Roma abbiamo incontrato tre degli attori protagonisti Mena Suvari, Jason Biggs e Chris Klein!

Una domanda per tutti e tre, qual’è il senso di questo ritrovarsi nel film?

Mena Suvari: “Io mi sento onorata di aver ripreso parte a questo nuovo capitolo dopo tanti anni! Recitare in “American Pie” ha cambiato la mia vita e mi sono trovata molto bene con tutto il cast!”

Jason Biggs:” La cosa più bella è esserci ritrovati con tutto il cast, per noi è stato come una riunione dopo dieci anni che non ci vedevamo!C’è un legame bello che esiste tra noi. I primi film sono stati girati in una successione rapida rispetto a questo e abbiamo avuto nostalgia del film e del set!”

Chris Klein:” Prima di tutto sono molto felice di essere quì oggi a Roma dopo tredici anni! Felice di interpretare Oz e di aver fatto questa esperienza! Credo che la maggior parte del credito vada ai registi che hanno scritto e diretto il film!”
Biggs, lei è anche produttore del film, come si è trovato in queste vesti?

J.B: “Riguardo all’essere produttore esecutivo sono stato coinvolto dall’entusiasmo del progetto! Questo cast è molto collaborativo, i registi Jon e Hayden sono stati i migliori! In più ho mostrato un bel pò del mio corpo e spero sia piaciuto!”
Mena, hai recitato in “American Beauty” e “American Pie”, essere un’icona americana ti piace?

M.S:” Sinceramente è un pò strano, perchè mio padre è nato in Estonia! In entrambi i film è presente l’aggettivo “american” nel titolo e direi che non posso dire nulla di negativo.Sono grata di questa esperienza e che il mio pubblico ancora mi segua e che abbia reagito bene a questi miei personaggi!”

 

 

 

Google+
© Riproduzione Riservata