• Google+
  • Commenta
27 aprile 2012

Bingo! Si parte per Londra!

“Quando un uomo è stanco di Londra, è stanco della vita, perché a Londra c’è tutto ciò che la vita può offrire!” come diceva il poeta inglese Samuel Johnson; e questa frase credo sia sufficiente a spiegare perchè  questa città sia una delle più richieste dai ragazzi di tutto il mondo, che ogni anno la scelgono come meta di vari soggiorni studi come l’Erasmus. Ma non sempre si ha la fortuna di vincere la borsa di studio all’estero e tantomeno di vincerla andando nella città preferita.

Questa “Mission Impossible” è riuscita invece a Caterina, una ragazza al secondo anno della facoltà di economia all’Alma
Mater Studiorum Università di Bologna sede di Forlì. Scopriamo insieme come è riuscita a conquistarsi quest’Erasmus.

Hai sempre pensato di voler fare l’Erasmus?

Si ho sempre pensato di farlo: perchè molte persone che l’hanno fatto me ne hanno parlato come di un’esperienza indimenticabile e soprattutto perchè penso che sia un buon incentivo per una futura carriera.

Come sei riuscita ad aggiudicartelo?

Allora diciamo che non è una cosa facile, per lo meno nella mia università, perchè guardano e valutano la tua “Motivation letter” in cui devi scrivere nella lingua che scegli, per esempio io in inglese, le aspettative che hai dell’esperienza, cosa vorresti fare e a cosa pensi ti possa servire. Poi, ovviamente, guardano il livello della conoscenza della lingua che hai. Superato questo, vieni selezionato per un colloquio orale dove sarà valutata la tua fluidità linguistica.

E’ stata la tua prima scelta Londra? Se sì, per quale motivo?

Diciamo che Londra è stata la mia prima scelta, ma non l’unica infatti avevo messo come alternativa una città della Danimarca, Kolding, perchè un ragazzo del mio corso di studi ci si era trovato molto bene e me ne aveva parlato. Queste sono state le uniche scelte che ho fatto perchè erano le mie preferite tra quelle proposte dalla mia facoltà. Ho scelto Londra perchè è una città Europea piena di vita dove ci sono un sacco di attrazioni per i giovani ed è multietnica, il che mi piace. Inoltre è una delle città europee che offre le maggiori possibilità lavorative, dove un domani mi piacerebbe lavorare e in più perfezionare la lingua inglese a Londra è una delle opportunità che capitano poche volte nella vita.

Pensi di avere un livello appropriato della conoscenza della lingua?

Credo di avere un livello di inglese discreto, non perfetto, ma uno dei miei obiettivi è che questa esperienza possa aiutarmi a perfezionare la lingua.

Credi che ti potrà essere utile in un futuro, magari in ambito lavorativo?

Si, penso che tutte le esperienze Erasmus, per chi abbia la fortuna di farle, aumentino le possibilità di lavoro, allargando il raggio lavorativo a livello internazionale. Facendoti anche maturare, facendoti vedere le cose in un ottica più internazionale ed Europea.

Hai mai fatto altri soggiorni studi all’estero? Dove? Sono stati positivi?

Si sono stata 2 settimana in California, a San Francisco, per un soggiorno studio in cui ho potuto visitare una nuova città, molto diversa da quelle europee e ho avuto modo di mettere in gioco, per la prima volta, la mia conoscenza dell’inglese.

Quando partirai e per quanto tempo hai intenzione di restarci?

Dovrei partire a settembre, ma il giorno preciso ancora non lo so, forse verso metà mese. Ho intenzione di restarci nove mesi, ma preferisco lasciarmi la possibilità di tornare anche prima, magari dopo “soli” sei mesi.

Ci risentiamo quando sarai a Londra, così ci farai sapere come ti trovi; per ora non mi resta che augurarti buon Erasmus!

Google+
© Riproduzione Riservata