• Google+
  • Commenta
23 aprile 2012

Giornalismo online: sopravvivere è già un successo

Il giornalismo online si propone come una delle possibilità più interessanti e più accattivanti per chi intende emrgere nel settore editoriale-giornalistico. E costituisce una sfida anche per i media tradizionali come i giornali e le emittenti televisive: ma quante startup riescono a sopravvivere nel complesso mondo del web e come riescono ad adattarsi al differente ambiente di comunicazione? Può inoltre la comunicazione online fornire le basi per nuove forme di giornalismo?

La ricerca dal titolo Survival is Success: Journalistic Online Start-Ups in Western Europe” condotta dal “Reuters institute for the study of journalism” è il primo studio che cerca di dare alcune risposte a tali questioni ed una valutazione sistematica del fenomeno. L’ indagine riguarda «nine strategic cases» selezionati tra Italia, Francia Germania.

I risultati mostrano che le possibilità di trovare spazio nel settore ed avere successo variano per fattori endemici da nazione a nazione. L’ obiettivo della sostenibilità economica non è sufficiente e costituisce solo un punto di partenza per l’ impresa. Bisogna mirare a ridurre i costi, a fonti alternative di reddito, cercare di ritagliarsi una nicchia di lettori affezionati e soprattutto avere idee innovative. L’ Italia è dietro le altre due nazioni oggetto di studio anche a causa di un bacino di utenze più limitato.

Le sfide per le imprese che intendono investire nel settore sono differenti ma la più difficile è confrontarsi con un mercato delle notizie e della pubblicità controllato dai pochi e principali media.

Insomma per il fenomeno startup europeo del giornalismo digitale se confrontato, ad esempio, con la situazione oltreoceano sopravvivere deve essere visto come una forma di successo. I ricercatori hanno inteso la formula in maniera positiva come espressione di un giornalismo in continua evoluzione che con le sue notevoli potenzialità pone la sfida non solo al  modo tradizionale di fare giornalismo ma alla ricerca di futuri modelli economici.

Questo facile interesse imprenditoriale per il giornalismo online è anche spiegabile con lo spazio illimitato e l’ immediata visibilità che il web concede. Se però non ci si accontenta della sopravvivenza come forma di successo si rischia di affrontare l’ alto grado di dispersione e la selettività dell’ informazione rincorrendo semplicemente la notizia eclatante a ogni costo, tutto a scapito della qualità dell’ informazione.

 

Per maggiori informazioni sullo studio proposto visitare il sito:

http://reutersinstitute.politics.ox.ac.uk/

Google+
© Riproduzione Riservata