• Google+
  • Commenta
30 aprile 2012

In aumento le meduse nei mari: una minaccia non solo per i bagnanti

 

Il problema delle meduse ritorna ciclicamente con la stagione estiva. Noi amanti del mare ci preoccupiamo soprattutto delle punture fastidiose ma a volte molto pericolose e gli operatori turistici del rischio di vedersi chiudere la spiaggia per l’ invasione di questi organismi. Ma le meduse sono una componente rilevante degli ecosistemi marini ed hanno un impatto a livello globale sulle attività umane ben più complesso. Ma è un fenomeno poco studiato.

L’ indagine dal titolo Increasing jellyfish populations: trends in Large Marine Ecosystems” pubblicata su Hydrobiologia” ci fornisce un dato allarmante: in 28 (62% dei casi) dei 45 Grandi Ecosistemi Marini (LMES – Large Marine Ecosystems) la presenza di varie specie è in aumento. Questo problema interessa il Mediterraneo insieme al Mar Nero ed ad alcune zone dell’Asia orientale, dell’Antartide e dell’arcipelago delle Hawaii.

La ricerca è una risposta ad un disinteresse generale della letteratura scientifica e vuole dare l’ avvio ad uno studio sistematico del fenomeno anche a seguito del riconoscimento del ruolo importante a livello ambientale e del carattere sinantropico di questi animali, cioè del fatto che beneficino dell’ interazione con l’ uomo.

I ricercatori hanno elencato varie interferenze sull’ attività umana: il danno agli impianti costieri di desalinizzazione e produzione di energia elettrica, le difficoltà per la pesca, l’ acquacoltura, per le indagini biologiche marine.

Sono riscontrabili effetti negativi anche sugli ecosistemi e indirettamente sulla pesca poichè le meduse sono predatori di zooplancton e di uova di pesce e portatori di parassiti.

Ma sono riconosciuti anche effetti positivi: alcune specie sono utilizzate come cibo o a livello medico e nella ricerca biotecnologicaLa mancanza di dati su larga scala sia a livello temporale che spaziale limitano la possibilità di agire anche in questo senso.

Per consultare la ricerca visitare il sito:

http://rd.springer.com/

 

Google+
© Riproduzione Riservata