• Google+
  • Commenta
1 aprile 2012

Maria De Filippi e il suo Sanremo dei poveri

Mamma Maria De Filippi, Regina dello share di sabato 31 marzo, nella rete ammiraglia di Mediaset ieri sera ha tenuto il suo primo piccolo Sanremo dei poveri.

Da quando l’ex direttore artistico di Sanremo Mauro Mazza ha dichiarato di lasciare il suo incarico per portare Amici di Maria De Filippi all’Arena di Verona, Maria La Macellaia e il suo entourage ha fatto quest’anno le cose in grande, portando in prima serata su Canale 5 i suoi Big, ovvero i vincitori e i maggiori protagonisti delle ultime edizioni del Talent Show nel serale che doveva essere dei ragazzi di quest’anno, l’edizione numero 11.

Certo, essendo una televisione commerciale la logica dell’Auditel regna sovrana, e se i big delle varie edizioni, da Alessandra Amoroso, Emma Marrone, Valerio Scanu, Annalisa Scarrone, Virginio Simonelli, Pierdavide Carone, etc servono ad alzare lo share benvenga. Tutto per il tripudio della serata finale che si terrà all’Arena di Verona.

Ma come ogni anno, alcuni ragazzi hanno fatto i loro provini per accedere al programma che dovrebbe aiutare nuovi talenti ad emergere. E come ogni edizione, il serale è il coronamento del loro sogno per essere visti da un numero maggiore di telespettatori. Ma da quando ormai il talento è stato messo sotto il patrocinio delle case discografiche, il programma di Maria La Macellaia è cambiato.

Ieri sera abbiamo assistito al piccolo Sanremo (dei poveri) dove i ragazzi di quest’anno sono passati totalmente in terzo piano, non avendo diritto a fare la loro sigla (relegata ad una legnosa Belen) e messi a sedere tra il pubblico, spettatori di quello che doveva essere il loro anno.

Gli applausi sono partiti per i vari prodotti di Casa De Filippi sfornati negli anni, tra tutti il duo Salentino Alessandra Amoroso ed Emma Marrone, che visibilità ne hanno avuto già tanta e i loro dischi sono entrati nelle varie top ten, nonostante le canzoni tutte uguali.

Ma mai dire NO a Mamma Maria. Non si sa mai come andrà a finire. Dopo più di un’ora passata a dare spazio ai Big delle scorse edizioni, una Belen che cerca di ballare e Luciana Littizzetto che prende in giro gli insegnanti, come prevedibile e da copione per il suo personaggio, ecco che arrivano i ragazzi di questa edizione a togliere spazio ai veri protagonisti.

Dopo qualche esibizione del talentuoso ragazzo di Hip Pop Giuseppe Gioffrè, Valentin, Francesca Dugarte e Josè Becerra, è il turno dei cantanti, dopo che il cubano Josè perdendo la sfida (con un meccanismo nuovo) è stato liquidato con un piccolo saluto, giusto per non togliere spazio a chi ne ha già avuto negli anni.

Proclamata la vittoria di Gerardo Pulli che ha sfidato, per volere di un’insegnante, il bravo Ottavio Di Stefano, si passa subito all’esecuzione di un brano di Stefano Marletta con voce, pianoforte e orchestra contro Francesca Mariani che ha perso.

Dopo l’ennesima sfida tra Mariani e Ottavio, in cui ha perso la Mariani, si ripassa al girone dei Big. Quasi a dire: “Scusate se esistiamo“.

Insomma, non c’è auditel che tenga. I nuovi talenti nelle televisioni vengono messi in secondo piano, perdendo lo spirito di quello che era una volta Amici e dove il talento c’era. Non resta che augurare a tutti coloro che vivono di musica di usare internet, uno spazio libero, e alle buone orecchie che amano la musica il loro messaggio arriverà.

Intanto La Macellaia e tutto quel mondo pensano all’Auditel. Come è giusto che sia, da un loro punto di vista, essendo una trasmissione pagata dalle pubblicità. Ma ieri Amici ha cambiato rotta, penalizzando i ragazzi di quest’anno.

Google+
© Riproduzione Riservata