• Google+
  • Commenta
21 aprile 2012

Per la riforma del lavoro: la Cgil in piazza

Venerdì 20 aprile si sono mobilitati lavoratori e cittadini in una manifestazione organizzata dalla Cgil contro la riforma del lavoro e l’articolo 18.

La protesta è diretta, come sempre, al governo Monti. Un governo, dice la Cgil che si è presentato come il paladino dei giovani e della riduzione della precarietà ma che ha mancato i propri obiettivi scegliendo strategie politiche assolutamente improduttive.

Susanna Camusso, segretaria generale della Cgil, al termine del corteo della manifestazione a Roma, comincerà un comizio durato 4 ore di denuncia sulle operazione del governo che non hanno garantito nessuna sicurezza ai lavoratori, non vi è stato nessun intervento equo o interventi che favorissero la crescita del paese.

Sull’articolo 18 la Camusso dirà a gran voce che non accenna a desistere e la partita resterà ancora aperta.
Inoltre vi è la ferma convinzione che la riforma non riuscirà nei suoi scopi: non ci saranno nuovi posti di lavoro ma anzi non farà altro che aumentare la precarietà.

Sono parole forti e preoccupanti senza uno spiraglio di speranza sulle manovre politiche attuate finora dal governo.
Di fatto la Camusso ribadirà, più di una volta, che le condizioni lavorative del nostro Paese peggiorano vertiginosamente.

C’è stata la richiesta esplicita da parte del ministro Elsa Fornero ai sindacati di “un primo incontro per ricercare soluzioni quanto più condivise” per la questione degli esodati. Quindi vi è la volontà del governo nel voler stabilire un contatto in questo momento difficile per il Paese.

Inoltre non sono mancate nemmeno le polemiche come quella del sindaco di Roma, Alemanno sulle modalità della protesta che anziché essere un corteo, poteva essere una “manifestazione statica” e avrebbe così procurato meno disagi alla città.

Si conclude questa giornata di contestazioni con l’ ipotesi di un possibile sciopero generale per continuare la battaglia in difesa dei diritti di ciascun lavoratore.

Google+
© Riproduzione Riservata