• Google+
  • Commenta
16 aprile 2012

Ritrovato il Ragazzo col panciotto di Cèzanne

Le opere d’arte sono sempre state oggetto di furti mirabolanti, anche se il più delle volte i ladri vengono rintracciati e le opere possono tornare esposte nei musei.

Tra i tanti pittori depredati, quattro anni fa toccò a Cèzanne: il quadro Ragazzo col panciotto rosso fu rubato in occasione di un’esposizione presso la galleria svizzera Emil Georg Bhurle di Zurigo. Non fu l’unico, ma le forze dell’ordine locali recuperarono lo scorso ottobre due quadri di Picasso, rubati sempre nei pressi della città svizzera.

L’opera di Cèzanne è stata valutata per 75 milioni di euro; venne sottratta da un comando armato che si portò via anche altri tre capolavori di Monet, Van Gogh e Degas. Un ricco bottino; ma la refurtiva venne ben presto recuperata: le prime due tele furono rintracciate poco dopo il furto in una macchina abbandonata, mentre il Degas e il Cèzanne risultarono scomparse.

Scomparse fino a poco tempo fa: Miljko Radisavljevic, procuratore speciale incaricato della lotta contro il crimine organizzato, in una conferenza stampa indetta a Belgrado, ha rivelato i dettagli del ritrovamento. I sospetti, arrestati dopo le indagini presso la cittadina di Cacak, situata nella Serbia Centrale, cercavano di vendere il quadro per 3,5 milioni di euro; la transazione però non è avvenuta completamente, interrotta appunto dall’arresto.

Il ministro serbo dell’interno, Ivica Dacic, ha dichiarato che il Ragazzo col panciotto rosso sarà restituito al legittimo proprietario, tornando così ad arricchire la collezione di Zurigo, tra le più grandi collezioni d’arte del XX° secolo.

All’appello manca soltanto il quadro di Degas. Anche nel mondo dell’arte, purtroppo, ci troviamo di fronte a eventi simili, in cui il denaro e il profitto fanno da padroni, distruggendo così ogni valore delle opere, tramutandole in pura merce di scambio. Oltretutto il più delle volte vengono sottovalutate proprio anche a livello economico, poiché capitano in mano a persone sbagliate, ma questo è un altro aspetto della vicenda.

Google+
© Riproduzione Riservata