• Google+
  • Commenta
7 maggio 2012

Flatulenza “da dinosauro” e innalzamento della temperatura terrestre

Dinosauro

Chissà quali scuse adotterebbe oggi un dinosauro accusato di “riscaldamento terrestre”. Forse direbbero “scusateci, abbiamo mangiato pesante!”

Dinosauro

Dinosauro

Uno studio condotto dalla Liverpool John Moores University infatti, si è servito degli imponenti animali per spiegare le possibili cause che hanno contribuito all’innalzamento della temperatura terrestre e pare che le motivazioni risiedano proprio nel processo digestivo.

I dinosauri, dei quali ognuno conosce le grandiose dimensioni, si cibavano ovviamente di grandi quantitativi di piante. Gli erbivori che hanno dominato l’era Mesozoica (conclusasi dopo circa 186 milioni di anni), durante la digestione pare che fossero vivamente sostenuti da organismi microscopici in grado di rendere il cibo facilmente assimilabile. I suddetti microbi, dal basso della loro piccolezza, sarebbero la causa della flatulenza degli animali; flatulenza a sua volta causa di abbondanti emissioni di metano.

Il gas scaturito dalla digestione dei dinosauri, secondo lo studio condotto avrebbe purtroppo contribuito al riscaldamento terreste. Lo studio, che verosimilmente suscita un piacevole sorriso immaginando la situazione, ha tratto ispirazione dalla flatulenza delle mucche. Esse, nonostante le dimensioni inferiori rispetto ai dinosauri, producono dai 50 ai 100 milioni di tonnellate di gas all’anno, figuriamoci dei dinosauri cosa sono stati capaci di “emettere”!

Per quanto la ricerca susciti la generale ilarità, sono proprio gli organismi responsabili della digestione animale a stimolare l’interesse maggiore dei ricercatori. E a dire che “le vie della scienza sono infinite” spesso si indovina ma ben venga “ogni via” pur di sviluppare nuove conoscenze.

Google+
© Riproduzione Riservata