• Google+
  • Commenta
16 Maggio 2012

M13, il virus “smart” che ci caricherà il cellulare

Sembra uno scherzo ma, da quanto scoperto dal Berkeley Lab, con molta probabilità saranno dei virus a ricaricare le batterie dei nostri tanto belli e funzionali smartphone che, troppo spesso, difettano proprio in autonomia.
Secondo gli scienziati californiani, infatti, alcuni virus batteriofagi, parassiti dei batteri rivestiti di proteine ad elica, hanno una proprietà tale da creare una differenza di potenziale che, introdotta in un circuito, genera energia elettrica.

Il virus denominato M13 è già usato nella bioingegneria poiché non è pericoloso per l’uomo e si riproduce autonomamente e potrebbe, con ulteriori approfondimenti, portare ad un promettente passo in avanti nello sviluppo di generatori di corrente personali come conferma uno degli studiosi, Seung-Wuk Lee.

In questo video postato su YouTube si evidenzia come con la semplice pressione su un elettrodo che presenta vari “strati” di M13, l’energia cinetica si trasformi, tramite questi virus, in elettricità.

Nello specifico, collegando il generatore ad uno schermo LCD, la DDP constatata ai capi della basetta contenente M13 è stata di 400 mV, circa un quarto di una pila stilo, sufficiente ad azionare il dispositivo.

Sono già partite sul web le prime ipotesi di un futuro utilizzo di tale scoperta, come ad esempio l’applicazione di elettrodi nelle scarpe che camminando potranno ricaricare i nostri cellulari che diventerebbero, in questo modo, inesauribili, con buona pace per gli studi, il lavoro e la già troppo stentata vita sociale di ognuno di noi.

Google+
© Riproduzione Riservata