• Google+
  • Commenta
30 maggio 2012

Nasce Laboratorio “High Performance Parallel Computing”

Venerdì 1 giugno 2012 alle ore 11.00, presso l’Aula Tomassetti della Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Via Vetoio 1 Coppito, sarà illustrato il nuovo Laboratorio interdipartimentale High Performance Parallel Computing.

In questa occasione sarà presentato il Cluster Caliban HPC (High Performance Computing), un’infrastruttura di vitale importanza per un’ampia platea di ricercatori di varie discipline, presso i Dipartimenti di Matematica pura e applicata, Informatica e Chimica, Ingegneria chimica e Materiali .

Al progetto collaborano ricercatori dei gruppi di Applied PDEs, Ingegneria matematica, Calcolo scientifico, Matematica computazionale, Probabilità e statistica, Matematica finanziaria e Finanza aziendale, Algebra computazionale e Crittografia, Chimica computazionale e Ottimizzazione. Le consolidate attività di ricerca dei gruppi suddetti convergono verso un comune interesse per lo sviluppo e l’utilizzo di metodi di calcolo parallelo nei loro vari approcci di programmazione, e.g. MPI e multithread.

Ad oggi il supercalcolatore Caliban ha una potenza di calcolo pari a circa 2.5 Teraflops e risulta essere una delle maggiori realtà dell’intero centro-sud nel settore HPC.

Il cluster è stato progettato ed è gestito dai tecnici del Dipartimento di Matematica pura e applicata dell’Università degli Studi dell’Aquila e possiede un sistema di code che permette, allo stesso tempo, esecuzioni di sorgenti in calcolo parallelo e seriale. L’alto numero di core per scheda madre permette la sperimentazione di codici in parallelismo multithread. Il gran numero di schede madri è di estrema utilità per i codici in parallelismo MPI, in ragione della connessione di rete di ultima generazione Infiniband.

Il progetto del supercalcolatore Caliban è stato realizzato con il contributo della Fondazione CARISPAQ.

Google+
© Riproduzione Riservata