• Google+
  • Commenta
19 Maggio 2012

Notte dei musei sospesa in tutt’Italia dopo l’attentato a Brindisi

Ormai è ufficiale: la Notte dei Musei, l’evento culturale lanciato dal MiBAC per sabato 19 maggio 2012 non avrà luogo. a deciderlo il ministro dei Beni Culturali Lorenzo Osnaghi, dopo il sanguinoso attentato avvenuto stamane a Brindisi dove una serie di ordigni esplosivi piazzati davanti a un istituto scolastico hanno provocato seri danni e  causato la morte di giovanissime vittime.

OGGI COME ALLORA: ATTENTATI E VITTIME INNOCENTI. Vent’anni fa, la strage mafiosa di Capaci dove perserso la vita Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli uomini della sua scorta. Stamane, un nuovo episodio della stessa matrice sembra far piombare il nostro Paese nella stessa tragica dimensione vissuta nei primi anni ’90. Tre ordigni esplosivi al GPL piazzati in un cassonetto dell’immondizia davanti all’istituto professionale MorvilloFalcone di Brindisi hanno causato la perdita di giovanissime vite umane e il ferimento di altre.  dopo lo sgomento iniziale e  i primi soccorsi, politici uomini di cultura e gente comune hanno chiaramente fatto appello alla coesione sociale e all’unità di tutto il Paese per contrastare questo grave atto di pura barbarie.

SOSPESA LA NOTTE DEI MUSEI. proprio per sottolineare il cordoglio e la vicinanza alle famiglie delle vittime coinvolte nell’attentato bindisino, il ministro dei beni culturali Lorenzo Osnaghi ha deciso di sospendere la Notte dei Musei, prevista per questa sera. in una nota diffusa dal ministero si legge “con il sofferto silenzio dei luoghi della cultura, si manifesterà, oltre che la condanna di ogni gesto di violenza, la sincera partecipazione al dolore della famiglia della vittima, di tutte le persone coinvolte nell’attentato, di tutta la città di Brindisi“.

BANDIERE A MEZZ’ASTA IN SEGNO DI LUTTO  E AMNIFESTAZIONI IN TUTTA ITALIA. La sospensione della Notte dei Musei non sarà l’unica iniziativa promossa contro il grave atto intimidatorio avvenuto a Brindisi. L’Italia si mobilita con manifestazioni, cortei e sit-in lungo tutta la penisola: l’elenco è in costante aggiornamento, mentre il sindaco di Napoli  Luigi de Magistris ha disposto   la bandiera a mezz’asta sulla facciata di palazzo San Giacomo in segno di lutto e per il prossimo 23 maggio i sindacati invitano tutti i cittadini a manifestare con fiaccolate davanti alle Prefetture delle loro città, in occasione dell’anniversario della morte di Falcone , della moglie Francesca Morvillo e di tutta la sua scorta.

 

Google+
© Riproduzione Riservata