• Google+
  • Commenta
18 giugno 2012

PalermoPride

 

Anche quest’anno Palermo Pride prenderà parte alle danze della vita, una sfilata di libertà e dell’individualità tutte, preservando quell’essere se stessi in ogni dove, in ogni epoca.

Questa terza edizione – di una marcia così colorata, variegata – (come gli anni precedenti) è il simbolo di una manifestazione che trascina per le piazze e tra le genti la rivendicazione dei diritti LGBT e a cui vi si affiancano più cause, tra i quali: i diritti umani, i diritti dei migranti, i diritti dei disabili, la lotta per la legalità, la prevenzione dalle malattie sessualmente trasmissibili, il consumo critico, l’ecologia e molte delle quali – spesso – passate invisibilmente nella quotidianità, tracciate alla rinfusa ma di cui è necessaria la conoscenza.

Alla creazione del percorso LGBT, in atto presso Villa Pantelleria, si è dato luogo al centro multifunzionale “Pride Village”, intento allo svolgimento degli spettacoli, delle mostre, delle proiezioni, dei dibattiti, delle attività (concentrate in questa settimana pre Pride), inerenti alla tematica in questione.

Il Gay Pride manifesta in quel mondo di tutti, ed inneggia all’affermazione del sé, al rispetto reciproco, a quei diritti personali, alle famiglie, di qualunque colore e portata esse siano.

Sul sito palermopride.it sono reperibili diverse informazioni tracciate nel programma; tra gli spazi di interazione: dalla Letteratura (evento svoltosi sabato 16 Giugno alle ore 18.00, alla presenza di Walter Siti – con “Triks” di Renaud Camus e “Resistere non serve a niente” con Alessandro Grilli, Università di Pisa), all’Arte Contemporanea (inaugurata la mostra “Cu avi lingua passa u mari”).

La miriade di appuntamenti che precedono alla sfilata conclusiva del Gay Pride (23 Giugno) è già in rassegna da sabato 16 Giugno.

 

Google+
© Riproduzione Riservata