• Google+
  • Commenta
27 luglio 2012

Che fine hanno fatto I Goonies?

Che fine hanno fatto i ragazzi del film I Gonnies (1985)? L’avventura firmata da Richard Donner con soggetto di Steven Spielberg è tra le pellicole cult della generazione degli anni ’80’ ed ancora amata dal pubblico adolescenziale e non. Il film narra le avventure dei ragazzi di Goon Doogs alla ricerca del tesoro di Willy L’orbo.

Goonies

Goonies

Traducendo la mappa lasciata dall’esploratore di Chester Copperpot, il gruppo di amici si mette alla ricerca dell’oro lasciato dal famoso pirata per salvare le proprie abitazioni, minacciate di essere rase al suolo per la costruzione di alcuni campi da golf.

L’avventura che spinge i ragazzi a cercare il tesoro è la preservazione della propria infanzia e dei luoghi dove sono cresciuti, ma inciampano presto nella banda italo americana della Banda Fratelli (vivendo in un decaduto ristorante vicino i luoghi della mappa), capitanati dalla mamma (santissima) Fratelli Anne Ramsey, attrice morta ad Hollywood l’11 agosto 1988. Tra i suoi ultimi film è da ricordare il ruolo -anche qui- della mamma, ma questa volta non di una banda senza scrupoli ma di Danny De Vito, nella commedia Getta la mamma dal treno, 1987.

Iniziamo dal timido Mikey Walsh protagonista del film e interpretato da Sean Astin, figlio adottivo del celebre Gomez della Famiglia Addams. L’attore oggi 41enne ha partecipato alla trilogia de Il Signore degli Anelli nel ruolo di Sam, personaggio dell’immaginario mondo creato da Tolkien e giardiniere di Frodo Baggins. E’ anche regista del cortometraggio The Long and Short of It (2002). E’ apparso inoltre nei film Se ti investo mi sposi? (2004), 50 volte il primo bacio (2004), Cambia la tua vita con un click (2006) e il film tv Le streghe di Oz, con regia di Leigh Scott (2012). Un pò in carne rispetto alla giovane età, l’attore ha fondato negli anni novanta una propria casa di produzione: “Lava Enterteinement“, producendo il cortometraggio Kangaroo Court nel 1994. Attore anche nelle serie tv 24, Hercules, Franklin & Bash, NCIS – Unità anticrimine.

Mickey: Più mondiale di quella volta che Michael Jackson venne a casa tua per andare al gabinetto.
Chunk: E va bene Brand, Michael Jackson non è mai venuto a casa mia per fare la cacca. Ma sua sorella sì!

Un curriculum cinematografico di tutto rispetto per l’attore che ha interpretato il fratello maggiore di Mikey: Brandon Walsh, interpretato da Josh Brolin. L’attore nato a Los Angeles nel 1968 è stato diretto nel 2004 da Woody Allen in Melinda e Melinda e sempre il regista di Brooklyn lo ha diretto nel 2010 nella pellicola Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni (You Will Meet a Tall Dark Stranger). Anche lui figlio d’arte, è stato arrestato per violenza coniugale nel 2004, denunciato dalla moglie che subito dopo ha ritirato la querela. Ma sono diverse le partecipazioni in molti film che lo hanno reso noto al grande pubblico : la serie tv I ragazzi della prateria (The Young Riders) (1989-1992), Grindhouse – Planet Terror di Robert Rodriguez, Nella valle di Elah (In the Valley of Elah), regia di Paul Haggis (2007) ed è stato diretto dai fratelli Cohen nel film Non è un paese per vecchi (No Country for Old Men) del 2007. Nello stesso anno è attore in American Gangster di Ridley Scott. Milk, regia di Gus Van Sant (2008), Il Grinta con regia di Joel ed Ethan Coen (2010), Men in Black 3 (2012),Gangster Squad, regia di Ruben Fleischer (2012). Il film di Gus Van Sant gli è valso nel 2008 un National Board of Review Awards come miglior attore non protagonista e una nomination all’Oscar sempre come non protagonista.

Il regista e attore Sharlto Copley ha annunciato alla stampa che Josh Brolin sarà nel remake americano di Oldboy, drammatico film sud coereano del regista Chan-wook Park. La sceneggiatura e la storia del remake sono scritte da Mark Protosevich, basandosi direttamente sul manga e non sulla pellicola asiatica. I due attori saranno diretti dal regista Spike Lee.

Dal cinema all’avvocatura è il cambio di professione per Jeff B. Cohen che ha interpretato il grassotello Chunk, costretto da Mikey ad una danza del ventre tutta particolare per entrare in casa sua. Inventatosi di aver avuto Michael Jackson nella propria abitazione per usare il suo bagno, Cuck diventa amico di Sloth, terzo figlio della Mamma Fratelli relegato per via della sua deformità negli scantinati del fatiscente ristorante dove si rifugiano. Dal 2002 ha aperto un ufficio legale a Beverly Hills (California). Ma non ha abbandonato completamente il mondo del cinema, si è specializzato infatti in diritto dello spettacolo. Prima de I Goonies aveva partecipato come attore in una puntata della serie televisiva americana L’albero delle mele (1984). Calvo e dimagrito, ha conseguito la laurea all’Università di Berkley, California.

Problemi di droga invece per l’attore Corey Scott Feldman (Chatsworth, 16 luglio 1971) che ha interpretato i panni di Mouth. Sposato due volte, ha recitato successivamente in diversi film come Stand by me – Ricordo di un’estate (Stand by Me) del 1986, nel 1987 Ragazzi perduti (The Lost Boys) (1987), e nel curriculum ha delle apparizioni in serie televisive.

Data è l’ingegnoso bambino asiatico che, tra un’invenzione e un’altra, combina pasticci ma proprio grazie alla sua abilità salverà gli amici con le sue piccole invenzioni. L’attore Jonathan Ke Quan aveva già partecipato nel film Indiana Jones e il tempio maledetto con regia del maestro Steven Spielberg, 1984. Successivamente sono state pochissime le apparizioni in altri film.

I Goonies vanta numerosi fans, un video gioco e numerosi gadget. Divenuto un vero e proprio cult generazionale, nel 2005 per i 20 anni dall’uscita della pellicola si è tenuto ad Astoria nell’Oregon l’incontro con gli attori del cast, un appuntamento replicato anche nel 2010 con fans provenuti da varie parti del mondo. E’ venuto a mancare nel 1989 l’attore John Matuszak che ha vestito i panni di Sloth; giocatore di football americano, ha interpretato qualche parte nei film Il cavernicolo nel 1981 (prima de I Goonies), Command 5 (1985), One Crazy Summer (1986) e qualche apparizione nelle serie televisive A-Team, Miami Vice, Hunter e The Dukes of Hazzard. Sono diversi i siti, oltre quello ufficiale, che omaggiano il celebre film di Richard Donner, divenuto simbolo degli anni ’80, in cui appare in un cameo l’icona indiscussa di quel decennio Cindy Lauper, in un video trasmesso nella televisione rimasta accesa nella casa di Mickey. La canzone (The Goonies ‘R’) Good Enough è stata poi incisa su un singolo ed è la colonna sonora del film. Quella televisione è rimasta sempre accesa, per i fans di questo irripetibile film.

Cyndi Lauper – The Goonies ‘R’ Good Enough

Danilo Ruberto

Google+
© Riproduzione Riservata

Copyright © 2004-2015 - Reg.Trib. Salerno n°1115 dal 23/09/2004 | CF: 95084570654 - P.IVA 01271180778

Magazine di informazione su Scuola, Università, Ricerca, Formazione, Lavoro
Attualità, Tendenza, Arts and Entertainment, Appunti, Web TV e Web Radio con foto, immagini e video.
Tutto quello che cercavi e devi sapere sui giovani e sulla loro vita.

Redazioni | Scrivi al direttore | Contatti | Collabora | Vuoi fare pubblicità? | Normativa interna | Norme legali e privacy | Foto | Area riservata |

Per offrirti la migliore esperienza possible questo sito utilizza cookies.
Continuando la navigazione sul sito acconsenti al loro impiego in conformità della nostra Cookie Policy